Lettere 2017

Da: Suzana Benfica 
Inviato: lunedì 13 novembre 2017 

Buonasera, padrini, tutto bene? 
Scusate il silenzio, perdonatemi  per essere scomparsa, sto bene, le lezioni stanno andando bene e la  mia formazione è molto buona. 
Ho iniziato a intervenire in altri tribunali perché la formazione copre tutti i tribunali criminali dei minorenni, abbiamo un giorno di permanenza nell'IPAJ  (Istituto di Patrocinio e Assistenza Giuridica) e quando abbiamo mediato i conflitti abbiamo cercato un accordo tra le parti per non portare il caso in tribunale, così risolviamo il problema in modo amichevole senza spendere soldi in tribunale.
L'esperienza che sto facendo è buona, grazie ancora una volta per tutto quello che devo a tutti voi e per  tutto ciò che sono.
Mi sto allenando di più e di più per non deludervi, vi amo tanto oggi domani e sempre molte grazie e per favore scusatemi.
Grazie mille,

Suzana Benfica.

Da: Suor Alda
Inviato: domenica 19 marzo 2017

Buona notte padre
Scusi il ritardo nel inviarle questi dati

ISTITUTO MEDIO POLITECNICO SANTA MARIA DEL CENACOLO
Alunni iscritti nel 2017
SCUOLA MOZAMBICO

Nella scuola ci sono 218 alunni in totale, 83 maschi e 135 femmine.
Ogni alunno paga 2.000,00 meticais (moneta del Mozambico, Ndt) che al momento corrispondono a circa 28 euro in quanto la moneta si è leggermente apprezzata. Un euro equivale a 72 meticais. Se si ricorda, quando è stato qui a luglio dello scorso anno un euro equivaleva a 85 meticais, e dicono che si arriverà a 43 meticais per un euro.
Le famiglie delle ragazze e dei ragazzi che vivono nella foresteria pagano 700 meticais. Questo perché dobbiamo pagare l’acqua, l’energia e riparare tutto quello che, costantemente, si rovina. Ora sono troppo stanca e non sono in grado di dividere 700 per 72 meticais per sapere quanti euro pagano i ragazzi e le ragazze al mese per l’alloggiamento.
Il costo di costruzione del refettorio delle ragazze è circa di 3.600 euro, perché i materiali da costruzione sono molto cari dopo l’uragano, principalmente le lamiere, il cemento e la vernice.
I professori sono 44. Il salario dipende da quante ore lavorano. Ognuno riceve 150 meticais all’ora. Sono circa due euro l’ora. Nella scuola pubblica non è possibile ottenere così tanto all’ora e per questo non ci è stato difficile trovare professori.
Il professore più anziano è il Direttore che ha 60 anni. Il più giovane ne ha 21 anni. L’età media è intorno ai 37 anni.
Penso che la sorella Celeste e Moniquinha non capiscono come si devono portare avanti le cose qui e hanno fatto più spese di quanto avessi previsto. Il corso costa 600 euro l’anno. Se non stessi comprando altre cose non previste sarebbero anche andati bene. Gli ho già detto che ho svuotato le tasche, in quanto ho messo più alunni nell’IMPOSMAC (Istituto Medio Politecnico Santa Maria del Cenacolo, Ndt) e ho un debito che ho contratto ultimamente che è stato anche pagato in ritardo. Inoltre, il fratello Francisco, il nostro seminarista, si trova a Matola (città vicino a Maputo nel sud del Mozambico, Ndt).
Nella foresteria ora ospito inoltre 9 ragazzi e ragazze 20.
Alcune di quelle che ha incontrato qui preferiscono dormire fuori a causa del regolamento interno che non gli permette di uscire la sera, tra le altre cose...
Dica alla signora Roberta che prego per lei perché il signore le conceda la grazia di cui ha bisogno.
Allo stesso tempo chiedo la sua benedizione e la sua preghiera.

Sorella Alda

Testo tradotto dal Portoghese da Davide Montani

Da: Honorio Martin 
Inviato: domenica 19 marzo 2017

CARI AMICI E COLLABORATORI, ECCO ALTRE NOTIZIE DA PARTE DI SR ALDA! LA REALTà DELLA SCUOLA PROFESSIONALE è...UNA MERAVIGLIA! L'ANNO SCORSO STUDENTI ERANO 114. EVIDENTEMENTE ' UN DONO STUPENDO PER QUESTA GIOVENTù RURALE A XAI-XAI, UNA BENEDIZIONE E UN MIRACOLO!. GRAZIE  A SR ALDA E A TUTTI VOI! 

HON.

Da: Honorio Martin 
Inviato: giovedì 16 marzo 2017

  1. Come stanno le mie amiche M.e M.? Ho la fiducia di poter concludere i lavori dell’Ambulatorio in tempi brevi. Adesso stanno fabbricando porte e finestre con buon materiale, simile a quello dell’aeroporto di  Maputo, e spero durerà molti anni. I lavori li fa una ditta cinese. E’ molto costoso, quasi ottomila eu, ma se Dio vorrà non sarà un materiale che si rovinerà facilmente.
  2. La Sala da pranzo delle ragazze interne, orfane e altre bisognose di accoglienza per diversi motivi familiari, sarà rifatto completamente nel mese di aprile. Spero che per la Pentecoste possa essere pronto e così avremo presto una bella sala da pranzo per le bambine e ragazze, e non più un “tetro sepolcro”, come appare oggi, tutto oscuro e malandato …
  3. Per le studentesse che frequentano il nostro Istituto di Formazione Professionale (sono una ventina, più altri tanti giovani studenti), e che rimangono durante la settimana nel nostro ambiente, dato che le loro famiglie si trovano lontane da qui, stiamo cercando di aiutarle a imparare a gestire bene le cose che hanno a disposizione. Vengono da una realtà molto diversa dalla vita di città, e non risulta facile l’adattamento a usi e costumi.
  4. Suor Clara è stata operata agli occhi (cateratte), e la seguiranno sr Celeste e sr Ornella.  Le medicine inviate dalla dott.ssa Daniela (con la buona mediazione della Si.gra Ambasciatrice della R.S.M. presso il Vaticano),  la stanno aiutando molto. Fra pochi giorni torna nella comunità di Gurùe (Quelimane)
  5. Qui, dopo i fortissimi venti che scoperchiarono varie volte i tetti di tantissime umili abitazioni (tetti di zinco), ora sono arrivate piogge interminabili. Le terre di coltivo sono rimaste allagate con queste piogge torrenziali, il tutto aggravato anche dalla apertura delle dighe del Sudafrica e dello Zimbabwe. Tantissima gente è rimasta senza cibo. E anche noi, per poco, non perdiamo i coltivi di riso. Grazie a Dio l’acqua non raggiunse la radice, e se tutto andrà bene, fra tre settimane, con l’aiuto divino, riusciremo a raccogliere qualche centinaio di sacchi di riso. Ci ha richiesto una grande fatica, ma non sarà inutile se il Buon Dio ci aiuterà a portare questo bene fino alla nostra casa, dove dobbiamo provvedere e sfamare ogni giorno una cinquantina di persone, tra piccoli e grandi!
  6. Adesso che abbiamo nuove responsabili penso che sarebbe l’occasione per trascorrere un mese dove si trova ora sr Francelina (Monastero delle Serve di Maria a Sagunto, Spagna), sia per riposarmi un po’ come per lasciare spazio alla nuova equipe prendere le loro proprie decisioni.
  7. L’ Istituto Politecnico ha raggiunto quest’anno DUECENTO alunni, la maggior parte ragazze delle zone rurali. E’ una benedizioni per loro e le loro famiglie. Accogliamo le più povere, che rimangono qui da noi  durante la settimana, tutto in strutture molto povere.  Abbiamo bisogno di borse di studio perché molte famiglie non riescono neppure a pagare il minimo per questa ospitalità.  D’altra parte, qualcuno incomincia a dire che tutto questo  (Istituto di Formazione Professionale, in particolare,) “appartiene alla Diocesi”. Sì, è vero, ma anche i poveri sono patrimonio della Chiesa, eppure pochi  si interessano per loro…

Santa Quaresima, comunione di preghiere e Sana Pasqua del Signore!
Irmà Alda Macuàcua, Servas de Santa Maria do Cenacullo, Xai-Xai, Mozambico 

Da: Suzana Benfica 
Inviato: mercoledì 15 marzo 2017 

Un saluto cari padrini, sono Susanna Benfica, la vostra figlioccia. Come state? Qui stiamo così così perché la mamma non sta molto bene. È spesso molto tesa e soffre molto per l’asma, anche se sta migliorando un pochino. I miei fratellini come stanno? Qui non si capisce mai che tempo fa. A volte fa caldo, subito dopo freddo e pioggia. E lì che tempo fa?
Ieri abbiamo inviato una email con i moduli e il piano didattico e stiamo già facendo lezione. Grazie per tutto quello che avete fatto per me. Spero un giorno di potervi ringraziare personalmente. Per il momento posso solo ringraziarvi studiando, studiando e studiando ancora. Sono molto grata a Dio, al sacerdote e ai padrini per quello che hanno fatto. Vi voglio molto bene. Quello che desidero maggiormente è darvi un abbraccio forte a tutti.
Baci Susanna.

Testo tradotto dal Portoghese da Davide Montani

Da: Honorio Martin 
Inviato: giovedì 2 febbraio 2017

Ricevuto valore borsa S. Benfica. Grazie per la sempre attenta condivisione, Michele. Quanto a Xai.Xai sono in comunicazione con sr Alda. E sono molto triste e dispiaciuto per come procedono   le cose...tuttavia aspettiamo e vediamo l.evolversi della nuova gestione. Dialogo con sr Alda per assicurare amministrazione dei soldi chiara e trasparente, secondo finalità dei donatori, verifiche e revisori. Ho chiesto che le suore si facciano aiutare dai frati per portare avanti bene il registro dell'economia. Con le ricevute x ogni singola spesa e rendiconti mensili dei fondi disponibili. Poi a luglio su vedrà in loco e vedremo se e come continuare sostegno. E già ho anticipato che, nel caso i conti non siano chiari, precisi, verificabili, puntuali...non sarà possibile ulteriore collaborazione.... Ogni bene a te e ai tuoi.
Hon

Da: Honorio Martin 
Inviato: giovedì 2 febbraio 2017

Salve cari amici e un cordiale saluto a voi e ai vostri cari! Ieri, dopo quasi due mesi, ho ricevuto notizie da Xai-Xai. Le Sorelle del Cenacolo hanno celebrato la loro Assemblea per eleggere le nuove Responsabili, che sono: Suor Clara Ussivane, nuova Responsabile generale della Assocciazione Serve di santa Maria del Cenacolo; Vicaria, suor Filomena (l'infermiera), Consigliera, sr suor Celeste, Economa sr Iolanda (insegnante Scuola Secondaria Statale di Chicumbane). Sono rimasto molto sorpreso che nè sr Alda nè sua sorella sr Clara facciano parte del nuovo Team o Consiglio generale (ma sr Alda mi ha detto che entrambe hanno rinunciato alla elezione). Una nuova tappa inizia per il Cenacolo. Sto aspettando ulteriori informazioni per capire la situazione. Ma secondo me...è seriamente preoccupante. Bene che entrino nuove leve e Sorelle giovani, ma...la giovinezza, da sola, non risolve i problemi e affronta le sfide con saggezza. Ho chiesto a sr Alda, prima di passare le responsabilità, di fare chiarezza sulla amministrazione, voce per voce, sapere le quantità dei fondi disponibili e seguire delle semplici regole amministrative, suggerendo che si facciano aiutare dai frati per portare avanti i registri economici (quanto c'è per le bambine interne, quanto per la Scuola, quanto per l'Ambulatorio, chiedendo di annotare sempre entrate ed uscite, e di giustificare sempre ogni singola spesa). Vedremo come vanno le cose.
Riguardo ai lavori della riposizione tetti, 5 aule sono già sistemate, mancano biblioteca e segreteria; hanno ricostruito anche un muro nella scuola, distrutto dal tormentone. A lavoro concluso invieranno delle fotografie.
Ambulatorio: già ricoperto e concluso i lavori esterne; mancano porte e finestre e altre piccole cose
Stanno mettendo su una casa con materiale locale (canne e lamine di cinco) per accogliere il gruppo di circa 15-20 studenti interni, cioè, che risiedono vicino al Cenacolo, dato che frequentano l'Istituto Tecnico
Sr Clara ha già le medicine (si trova a Xai-Xai ora) e la salute va meglio
La situazione finanziaria della studentessa Suzana Benfica, che ha iniziato el primo semestre del secondo e ultimo anno del Master in Diritti Umani, Buon Governo, (ora veramente non ricordo il titolo esatto) è in questi termini: Come informato a Michele l'anno scorso, la borsa di studio era di duemila eu per i quattro semestri accademici.(due anni accademici). L'anno scorso chiesi di anticipare a lei mille eu per il primo semestre del 2017, ma eravate al secco.... Chiesi allora un anticipo straordinario e riuscì ad inviare questi mille eu a Suzana per iscriversi a questo primo semestre del 2017; e mancano mille eu per il secondo semestre (che inizierebbe dopo pasqua, se ho capito bene _ il corso finisce a novembre/dicembre -)
Sarà possibile riavere questi mille eu da me anticipati e poi gli altri mille per il secondo semestre?.
Penso di andare a Xai-Xai dal 30 giugno al 21 luglio, via Madrid. Voglio vedere chiaro come stanno le cose in particolare dal punto di vista amministrativo, progetti, ecc. oltre ad incontrare le nuove Responsabili e vedere come sta sr Alda..dopo questo "tsumani" elettorale, e vedere come stanno realmente le cose e per avere sicurezze...di gestione e di progetti, oltre che a verifica dei temi amministrativi in corso e recenti.
Grazie, un abbraccio a tutti. Hon

Lettere 2016

Da: Honorio Martin 
Inviato: giovedì 1 dicembre 2016

ECCO LA LETTERA. AGGIUNGO ANCHE IL MIO SUPER-GRAZIE E I MIEI AGURISSIMI PER IL PROSSIMO NATALE!!!
OGNI BENE A VOI E AI VOSTRI!
HON

Ave Maria
Xai-Xai, Mozambico, 30 novembre 2016

Carissimi Benefattori del Cenacolo di Santa Maria
Oggi si realizzò un nuovo Miracolo, frutto della condivisione di tante persone generose, un segno che caratterizza la vita e le opere delle Serve di santa Maria del Cenacolo, qui a Xai-Xai, in Mozambico!
Ho appreso con tanta gioia la notizia che si era riusciti a raggiungere la somma necessaria per la ricostruzione dei tetti della nostra scuola, distrutti da una fortissima tormenta tropicale negli ultimi giorni di ottobre, qui a Xai-Xai.
Io non ho parole per ringraziarvi perché la vostra generosità è tanto grande che soltanto Dio potrà farlo come meritano i vostri gesti di carità!. Per questo vi raccomando tutti a Lui, assieme ai vostri familiari e amici, affinché il Buon Dio vi conceda tutte le grazie di cui avete bisogno ora e dopo la vita eterna.
Questa settimana gli alunni del nostro Istituto di Formazione Professionale hanno gli esami (Agraria, Contabilità, Uditoria, Informatica, Amministrazione di Impresa). Sono 114 giovani, in maggioranza ragazze, e vengono dal mondo rurale, anche da molto lontano (alcuni da cinquecento km!). Le loro famiglie sono molto povere, contadine, e vivono da quello che riescono a coltivare. Dopo gli esami incomincerà il lavoro di ricostruzione delle sale scolastiche, e anche la costruzione di qualche altre stanze per gli alunni interni (15), dato che i due dormitori delle ragazze che ospitiamo durante la settimana, che sono 20, non hanno sofferto particolari danni, eccetto le finestre.
Grazie allora di cuore. Spero di incontrare ancora quanti già conosco e anche i nuovi amici collaboratori, se Dio vorrà, qui da noi oppure in Italia e RSM.
Il Signore vi faccia arrivare al Natale e al Nuovo Anno con molta pace, gioia e salute, assieme ai vostri cari e a tutti i vostri amici.
Vi saluto con rispetto, ammirazione e amicizia.

Irmà Alda Macuàcua

Da: Honorio Martin 
Inviato: mercoledì 30 novembre 2016

CARISSIMI, PER VOSTRA GRANDE GIOIA VI INFORMO CHE, ANCORA UNA VOLTA, GRAZIE A DIO E ALLA COLLABORAZIONE VOSTRA E DI TANTE PERSONE SUPER...ABBIAMO RAGGIUNTO IL PREVENTIVO SPESE PER LA RICOSTRUZIONE DELLE AULE SEMIDISTRUTTE DAL TEMPORALE A XAI-XAI PRESSO L'ISTITUTO MEDIO POLITECNICO SANTA MARIA DEL CENACULO. GRAZIE E GRAZIE DI CUORE AD OGNUNO E A QUANTI AVETE COLLABORATO. HO GIA' INFORMATO SR ALDA. E ABBIAMO PURE OLTREPASSATO IL PREVENTIVO CON MILLE EU IN PIU'. TOTALE PREVENTIVATO: 10.000,00 EU. QUANTITA' RACCOLTA: 11.000,00 EU. TEATRO 7 ROMA, 5.000,00 EU; GRUPPO ANDREA FILPA E CYNTHIA: 4.000,00 EU; CARITA' SENZA CONFINI (RSM) 1.000,00 EU; UN COLLABORATORE SAMMARINESE: 1.000,00. GRAZIE DI CUORE...SIETE GRANDI!!! DIO VI BENEDICA ASSIEME A QUANTI HANNO COLLABORATO. OGNI BENE E UN GRANDE ABBRACCIO. PER ME, E POSSO PENSARE ANCHE PER VOI, è LA MIGLIOR NOTIZIA...PRENATALIZIA!
HON

Da: Honorio Martin
Inviato: sabato 19 novembre 2016

Carissimi, ho appena ricevuto un preventivo per la ricostruzione dei tetti di aule scolastiche e abitazioni suore, studenti accolti, ragazze interne, che come sapete sono stati disfatti da una forte tormenta tropicale il 24 scorso, scoperchiando tutto e spazzando via le lamine di zinco. L'istituto di formazione professionale è frequentato da più di cento giovani, soprattutto ragazze della zona rurale. Se possibile, vi chiedo una gesto di vicinanza e solidarietà per la ricostruzione, stimata in 10.1454,oo eu (altri due preventivi chiedevano 15.126,00). Ogni bene e grazie per quanto potrete fare.
fr Honorio

Da: Honorio Martin 
Inviato: venerdì 4 novembre 2016

Cari amici, vi trasmetto alcune notizie di sr Alda riguardante tempeste che hanno causato distruzione e dolore nelle province del sud del Mozambico.
Sr Alda si incontra ancora nel nord visitando la comunità che hanno nella provincia di Zambezia, nella diocesi di Gurùe.
"Siamo scampate alla morte portata da questa tempesta che ha distrutto vite e beni. Il giorno 24 di ottobre apparse un uragano nella regioni di Maputo, Gaza e Inhambane. En Maputo ci furono dei morti. Tante persone rimasero senza tetto e senza casa nella zona di Matola-Rio, dove abbiamo una piccola comunità. I venti e le piogge violente hanno distrutto macchine e altri bene. La pioggia era come un diluvio, un mare in alcune zone di Maputo. Vidi questo disastro nella TV. In Xai-Xai più che pioggia fu il fortissimo vento la causa di tante disastri sopratutto nelle abitazioni. Molte persone della nostra zona rimasero a cielo aperto perchè il vento portò via le lamine di zinco delle piccole abitazioni rurali. Queste lamine sparirono perchè durante la notte furono strapazzate dal vento e spinte lontano, ma una volta che il vento diminu'...gli amici delle cose altrui incominciarono a rubare queste lamine!
Nel nostro Istituto si rovinò il tetto di tre aule scolastiche. La forza del vento ammassò le lamine di zinco; altre furono lanciate contro le case. Finestre, porte, alcuni muri...tutto distrutto! I grandi eucalipti che si trovavano all'entrata del Cenacolo e diversi Cajueiros, grandes, ...sradicati e per terra".

Qui dove mi trovo, Borgo Maggiore, R.S.M...tristezza e pena: La Protezione Civile ha dichiarato inagibile, come misura precauzionale, sia la chiesa sia il convento, per evitare danni i fedeli che partecipano al culto! Io mi sono rinchiuso in una zona del convento che ancora non è male. Ci sono grandi crepe in convento e anche altre in chiesa.  Cosa succederà ora? Mistero, i miei Responsabili non si sono ancora fatti vivi.... che tristezza!. Questa chiusura andrà per le lunge, forse anni...perchè bisogna realizzare studi tecnici e poi interventi pesanti a livello edilizio...e dove sono i soldi? nessuno  dei miei investirà qui, credo. Io però sono tranquillo e in pace. Ho fatto il mio dovere e ho avvisato da più di un anno sui lavori che attendevano, con urgenza...ma la risposta è stata...il silenzio. Non mi deprimo, non ho tempo di annoiarmi e ora mi do da fare per trovare uno spazio per poter continuare con le celebrazioni per la gente che frequenta questa chiesa. 
E' tutto per ora. Buon proseguimento a voi e auguri di ogni bene. Abbraccio e preghiere. Fra Giuliano interceda per noi e per tutti. 

hon

 


Da: Suor Alda
Inviato: martedì 26 luglio 2016
Ave Maria

È con molta gioia nel cuore che vi scrivo questa lettera per ringraziarvi.
Non ho parole umane che siano tali da essere un segno di gratitudine per tutto quanto avete fatto per aiutare me, le persone che vivono nel Cenacolo e nei suoi dintorni, e per quelli che vengo da lontano per rifugiarvisi.
Grazie tantissimo per avermi fatto recuperare la vista. Se non fosse stato per la vostra generosa donazione sarei stata sulla strada per la cecità, ma voi vi siete presi cura di me e ora riesco a vedere e, secondo quanto dice il medico, ogni giorno la vista migliorerà. Avevo tre problemi alla vista che non so spiegare in termini medici, ma io ho capito di avere la cataratta, la crescita della membrana che avrebbe chiuso la pupilla e un buco nella retina.
Tutti questi problemi sono stati operati e sto recuperando la vista diretta, la ultima ad essere stata operata, completamente.
Sono davvero grata per tutto l’aiuto che mi avete dato per guarire e per portare avanti altre cose.
Sia data grazia a Dio, pieno di misericordia e di amore infinito.
Il miracolo della condivisone, questo è il progetto su cui si fonda il Cenacolo, continua a crescere. Abbiamo una scuola tecnica, per via della quale è sorta la necessita di costruire una casa per accogliere i giovani studenti, una scuola per l’infanzia e, nel prossimo futuro, un piccolo locale medico.
Il bene che fate a tante persone solo per carità è molto grande.
Grazie tantissimo Un grande abbraccio

Sorella Alda

Testo tradotto dal Portoghese da Davide Montani


Da: Honorio Martin 
Inviato: domenica 10 luglio 2016

Carissimi...un saluto enorme da Xai.Xai! e tantissimi saluti da sr Alda e da tutto il villaggio Cenaculo!!! Sono arrivato saba to 2 e...nessun controllo perche....le valigie erano rimaste, due lunghi giorni!!! a....ROMA! ma poi alla dogana...nessun controllo!! le due operazioni agli occhi di sr Alda sono andati molto bene, hanno detto gli oculisti e ritengono che andr'a tutto bene e potr'a vedere molto bene. Adesso utilizza gli occhiali e vede abbastanza bene.  E' molto contenta e vi saluta e ricorda con tanto affetto e gratitudine. Il Posto di salute...sta crescendo finalmente! incominciano a crescere le pareti una volta costruita la base. Una novita': hanno una specie di Hostel, di Pensionato per ragazze che studiano qui nel loro Istituto medio politecnico S.Maria del Cenacolo (Agropecuaria,Contabilita'/Auditoria, Amministrazione pubblica/Gestione di Impresa). Circa 180 alunni. Le studentesse dormono dove erano i dormitori delle orfane e sono circa 20 ragazze. Ma le condizioni sono misere. Stiamo vedendo il da farsi per dare un po di dignita'. Le suore hanno affittato anche una casa nel villaggio per accogliere anche 10 studenti. E un impegno bello e di grandissimno aiuto per questi giovani del mondo rurale, utilissimo. Molte difficolta per comunicare. Vi allego la proposta di cui parlai con Daniela e Alberto, sull' aiuto possibile alla famiglia del detenuto. Aiutatemi Alberto e Daniela
Amelia sta nel nord, a Gurue e sta molto contenta e va bene negli studi. Ha fatto i primi voti religiosi. Manuelito stiamo cercando di rintracciarlo.
Una volta 'e venuto da sr Alda. 
Ciao e ciao.

hon


Da: Honorio Martin 
Inviato: mercoledì 8 giugno 2016 

La generosa "Manna" e' tutta arrivata a sr Alda. L' occhio destro operato va bene, ha visione. Fra qualche settimana sarà operata all' occhio sinistro, quello operato male a Chimoio. Gli oculisti dicono che potrà vedere anche con questo. Grazie a Dio!. La raccolta di materiale edilizio per la costruzione del piccoli ambulatorio va avanti: pietre per le fondamenta, mattoni fatti al Cenaculo...a giorni, le fondamenta. Grazie per il vostro sostegno e grazie a Piergiorgio per le facilitazioni amministrative. Siete GRANDI! queste sono opere di misericordia davvero!. Abbraccio

hon


Da: Suor Alda
Inviato: venerdì 6 maggio 2016

Ave Maria
Mio caro fratello

Sono dispiaciuta che dovrai stare tanto tempo senza notizie dal Cenacolo, da parte mia non si tratta di mancanza di volontà, è una cosa che dirò, detta anche dal fratello stesso, e cioè che il tutto non si sta svolgendo correttamente e nei tempi, soprattutto la questione del presidio sanitario.
Fino ad ora non mi hanno dato una risposta definitiva. Ancora stanno correggendo i piani, per quanto il nostro paese sia piccolo, non gli viene garantito alcun finanziamento per pagare i debiti internazionali che il governo mozambicano ha contratto. Deve essere il popolo a pagare, con il crescente costo della vita, non il paese. Non mi sento bene quando vedo quello che succede, un settore privato così grande e tanti poveri che soffrono. Dicono che mi daranno oggi, il 5, la risposta, ma non ho alcuna certezza perché dicono sempre così e poi non fanno nulla.
Fratello, la tua presenza in Mozambico è sempre gradita, soprattutto al Cenacolo. La presenza dei frati è di grande aiuto, come potrei dire il contrario. Te lo dissi quella volta, quando si era creata quella situazione molto scottante con le cinque monache che avevano appena lasciato il monastero di Nampula. Grazie a Dio tutto quello è finito per il meglio e le sorelle Francelina e Celestina si trovano ora nel monastero di Sagunto. Sono partire dall’aeroporto di Maputo il 2 di maggio. Grazie a Dio sono state ben accolte. Tuttavia non so se sei a conoscenza che il Mozambico è nuovamente in guerra civile. I due partiti non si sono messi d’accordo e il popolo viene decimato per le strade. Non è possibile viaggiare nel nord del paese ed è molto difficile preparare dei progetti di sviluppo. Il governo ha in mente solo la guerra contro il Renamo e il Renamo la guerra contro il Frelimo. Ma chi muore è il popolo, i figli che sono inviati a combattere e che vengono falcidiati.
L’istituto procede. Ho pagato l’intero anno di iscrizione a due ragazze povere: Mariucha e Ignis. Sono 360 euro a testa. Quindi, 720 euro per tutte e due, per poi cadere dalle nuvole quando ho realizzato che un euro sono 50 meticais (moneta del Mozambico, NdT). Penso quindi che con il costo della vita sempre più altro, l’istituto si troverà a dover aumentare il costo delle mensilità. Per quanto si tratti di 1.800,00 mt. (Meticais, NdT) al mese, sono solamente 36 euro di mensilità.
La sorella Clotilde lavora con il macchinario preso delle sorelle di San Pedro Claver. C’è voluto molto per farlo funzionare. Alcuni programmi per disegnare lei non era in grado di farli funzionare e andava avanti e indietro con la macchina dal Mozambico allo Swaziland per aggiustare questo e quello. Spero che continui a funzionare senza problemi. La sorella sta preparando una relazione da inviare alle sorelle con tutte le istruzioni di uso e di come è stato usato il denaro.
La questione dei bambini ciechi doveva entrare nel vivo il giorno 3, l’altro ieri, pertanto mi sono vista con il segretario del quartiere e il direttore del posto e ho pagato il resto del danaro necessario per legalizzare il terreno. Così devo tornare la per se gli uomini che devono mettere i segni per la demarcazione del terreno lo hanno fatto o no. Per quanto riguarda quella donna che mi ha chiesto 160.000 meticais non ho avuto tempo di parlarci. Inoltre, nessuno la conosce. Mi ha visto e non mi ha nemmeno salutato. Ho parlato con la famiglia, ho lasciato lì da mangiare, ho provato di tutto in presenza dei responsabili del quartiere e di tutta la famiglia a parte Honorio che mi sfuggiva, non so il perché... Ai Fratello! Mi sta chiamando ora, alle 20.00, il marito di Isabel per dirmi che la questione della legalizzazione di quel terreno ci prenderà tempo perché la famiglia ha venduto a un'altra persona l’altra parte del terreno e si trova nel mezzo di un’area dove non c’è quasi nulla. Ora il lavoro è trovare i compratori e sapere a quanto venderanno, pagare, e allo stesso tempo andare avanti con il processo. Ora capisco perché Honorio scappava via da me. Alla fine di tutto, la cosa che è costata di più al fratello è il fatto di lasciare le sorelle. A conti fatti tutto è rimasto come era in precedenza ora che si sta per riiniziare il processo. E quella donna dei centosessantamila meticais vuole vendere a un’altra persona la casa che ha costruito e, di conseguenza, l’unico riparo che esiste in quel posto. In questo momento i centosessantamila meticais sono 3.200 euro! Io non so a quanto ha venduto l’altra parte del terreno né a chi. Che tristezza. Sono bugiardi e gli interessa solo il denaro... è necessaria una settimana di vacanze a Maputo. Fratello, un altro giorno di attesa per l’autorizzazione a costruire il presidio sanitario... Sono come avvoltoi in attesa del giorno in cui cominciamo senza aver firmato l’accordo per potermi fare una multa e aver così modo di mangiarci sopra. 

Un grande Abbraccio.
Sorella Alda

Testo tradotto dal Portoghese da Davide Montani


Da: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Inviato: venerdì 6 maggio 2016

Saluti e perdono per il silenzio
Ciao padre Hon, mio caro amico, come stai? Io bene grazie a Dio. È vero che da molto tempo non so niente di te e tu di me. È stata la ragione che mi ha convinto a scriverti oggi con l’intenzione di rompere questo silenzio. Tuttavia mi ricordo che per due volte ti ho scritto. Suppongo che i messaggi non siano arrivati per il fatto che internet a volte non funziona bene specialmente quando mi trovo a Quelimane, perché mi ricordo bene di averti scritto quando mi trovavo là e spero che questo messaggio ti arrivi, al contrario delle altre volte. Non mi sono dimenticato di te e nemmeno degli amici italiani, e non mi sono arrabbiato per quello che mi dissi, e non ho motivi di arrabbiarmi o di rifiutare la vostra amicizia. Io continuo a lavorare a Nampula, anche se molte volte vado a Quelimane, la mia città, a visitare mia madre che è ancora malata e peggiora di volta in volta, e nei distretti circostanti a cercare opportunità, perché sono ancora disoccupato e continuo a cercare qualcosa, mentre spero che mi chiamino in un qualunque momento per iniziare a lavorare dove lascio il mio CV, e nelle istituzioni dove ho fatto i colloqui visto che si tratta di un processo molto lento.
E mentre aspettavo queste telefonate, mi è capitato di aprire una piccola copisteria dove faccio lavoretti di carattere accademico come: tesi, lavori per la università, progetti di ricerca, tesine per studenti dell’Università e del Liceo e anche per chi non è studente, sistemo computer, vendo materiali scolastici e ho assunto 5 giovani del quartiere che lavorano con me in questa copisteria, ognuno con il suo compito. Alcuni scrivono i documenti, altri sistemano i computer, altri si occupano della stampante e della vendita del materiale scolastico. A parte questo, sto pensando di avviare due progetti: il primo è comprare 3 moto per usarle come taxi nel centro della città al fine di dare lavoro a tre ragazzi; il secondo progetto è un’agenzia di pulizie, ossia una piccola impresa di pulizie che offre i sui servizi alle istituzioni e ai domicili privati. Le persone interessate ci contatteranno per beneficiare dei nostri servizi.
E io chiaramente gestirò tutto. L’idea è di poter essere un imprenditore e di applicare quello che ho appreso in teoria all’università e di non aspettare solamente che lo stato mi assuma. Questo significa potersi creare il lavoro da sé, se questo non c’è, e combattere la crisi che ha colpito il mondo intero e in particolare il Mozambico che sta in condizioni terribili. Anche se è un’idea sto studiando per metterla in pratica un giorno o l’altro.
Infine, sono sempre grato per l’aiuto che mi avete offerto sostenendo la mia formazione, accademica e umana al tempo stesso.
Senza rubarti altro tempo finisco qui, con la speranza di scriverti più spesso.
Un abbraccio e tante preghiere.
Perdonami per il silenzio.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Testo tradotto dal Portoghese da Davide Montani


Da: Suzana Benfica 
Inviato: giovedì 5 maggio 2016 

Ringraziamento
Buon giorno padrini, tutto bene? Sono Suzana Paula Salimo Cabral Benfica la vostra figlioccia del Mozambico. Mi tengo in contatto con il Fratello Honorio. Le classi stanno andando bene e il secondo semestre inizia ad agosto. Ho già avvisato il Fratello e scrivo personalmente per ringraziarvi per tutto quello che state facendo per me, aiutandomi nella formazione e nei miei studi. Molte grazie dal profondo del mio cuore. Ringrazio Dio per tutto e spero un giorno di potervi ringraziare personalmente. Qui già è inverno, e di notte fa molto freddo. Che temperatura fa a Roma?
Cordiali saluti,
Suzana

Testo tradotto dal Portoghese da Davide Montani


Da: Honorio Martin
Inviato: domenica 3 aprile 2016 

Salve, amici di Teatro7! Ecco alcune notizie su Xai-Xai, non molto incoraggianti, purtroppo. La situazione di salute di sr Alda non va bene, anzi, mi scrive che non vede nulla dell'occhio operato, la visione arriva unicamente da quello che prossimamente dovrebbe essere operato, probabilmente a cura di un'equipe di oculisti spagnoli nei prossimi mesi, nella speranza che possa andare meglio questa volta. Non si spiega la ragione, dato che il dottore, dopo l'intervento, gli ha detto: "E' andato tutto bene". Poi informa che la situazione militare, conflitto Renamo, è di nuovo attiva e sta causando molti morti e feriti nella regione centrale del Moz, arrivando inclusive ad uno dei distriti  del nord di Xai-Xai. Insicurezza e paura tornano a martoriare questo popolo. Ci sono frequente assalti, sparatorie... La situazione diventa preoccupante. Sr Alda intende passare la gestione dell'economia a due sue consorelle, sr Iolanda e sr Clara Usivane.
Riguardo al Posto dos Primeiros Auxìlios...la lentenzza burocratica è..ilimitata! Pochi giorni fa gli hanno consegnato i parametri di costruzione della struttura....che prevvede pure...una maternità e non so quante altre cose....ma dicendo a sr Alda che non si preoccupi, che lei faccia il progettino che intende. E' semplice propaganda per le statischiche delle autorità zonali, come per dire, abbiamo un'altra "ospedale". E sr Alda ci deve sottostare, altrimenti i permessi di costruzione non arrivano. Più di 6 mesi con questo tema e ancora siamo in alto mare.....così sono le cose da queste parti. Da noi, in tre giorni sarebbero pronte, in Mozambico, ci vogliono mesi e mesi, anche perchè...tutto vogliono "mangiare".
Sr Alda dice che ora si procederà certamente ad iniziare la costruzione....vedremo.
Un abbraccio e un ricordo per questa realtà così complessa e complicata.

hon


Da: Honorio Martin
Inviato: martedì 16 febbraio 2016

Salve e cordiali auguri! Oggi ho parlato con sr Alda: sta tornando in Xai-Xai. L'intervento all'occhio destro è andato bene, ha detto il chirurgo oculista. Gli hanno tolto anche la membrana che avanzava verso la retina. Ora deve fare riabilitazione visiva e a marzo, probabilmente, il secondo intervento all'occhio sinistro.  Saluta e ringrazia tutti. L'intervento si è realizzato nella città di Chimoio, nel centro del Mozambico. 
Auguri di ogni bene, qui con pioggia e nebbia....sta incominciando....l'inverno, mentre sboccia la primavera!
Un caro abbraccio.
Hon


Da: Suor Alda
Inviato: mercoledì 6 gennaio 2016

Miei cari amici del Cenacolo
Ancora nello spirito delle ferie Natalizie e del nuovo anno vi saluto:
Felice anno nuovo
Ho il piacere di comunicarvi che è stato riconosciuto dal governo del Mozambico l’Istituto Politecnico Santa Maria del Cenacolo.
Offre i seguenti corsi: gestione, agricoltura, contabilità e revisione contabile. Questi sono i frutti del vostro generoso aiuto fin dal 1998-99 quando prendeste la decisione di impegnarvi a sostenere il Cenacolo, aiutandolo a sostenersi e a crescere.
Nonostante le difficoltà e degli errori non vi siete mai lasciati scoraggiare, siete stati sempre pronti ad avviare nuovi progetti al fine di aiutare quelli più nel bisogno. Abbiamo avuto un periodo di crisi dal 2012 al 2014 che ci ha quasi portato alla bancarotta quando gli strumenti di lavoro si danneggiarono, l’auto e il trattore, e con difficoltà arrangiavamo i mezzi per sopravvivere.
Per questo abbiamo l’uso delle donazioni direttamente per la manutenzione delle case e degli strumenti di lavoro era impossibile perché avevamo in primo luogo il bisogno di mangiare. Spero che un giorno possiate di nuovo venire qui da noi e vedere.
Mi costa ristrutturare le sale, il tetto etc. ma Dio è grande e lo è anche la vostra carità. Tante grazie.
In questo momento ho un problema alla vista. Devo essere operata alle cataratte e rimuovere una membrana che sta crescendo e mi impedirà di vedere. Se riesco a radunare i mezzi necessari i medici rimuoveranno tutto nella prima settimana di Febbraio.
Ho paura ad andare in un ospedale pubblico perché alcuni amici sono tornati in condizioni peggiori di come sono andati.
Avrei dovuto operarmi fin da Ottobre del 2014.
Pregate per me perché vada perché la mia cecità può influenzare negativamente la vita del Cenacolo.
Con molta stima e con la promessa di pregare sempre per voi vi saluto.

Testo tradotto dal Portoghese da Davide Montani

Sorella Alda Macuácua

Lettere 2015


Da: Honorio Martin
Inviato:
Dicembre 2015

Cari amici di Teatro 7 un cordiale saluto e tanti auguri per il Natale che si avvicina.
Vi trasmetto una mail di sr Alda, in cui parla di diverse questioni, tra le altre, anche della sua malattia agli occhi: due cattarate avanzate e presenza di una membrana che va verso la retina, con pericolo di rimanere ceca. Si sta orientando per operarsi a Maputo, e mi ha chiesto aiuto economico (circa 1.800 eu.)
Ora chiederà ad un altro oculista. Nel messaggio vedete gioie e fatiche, difficoltà con alcune suore giovani, ma altre notizie buone: due suore sono pronte per impegnarsi al Cenacolo con la scuolinha, e hanno concluso i loro studi a Maputo (Educatrice di Infanzia e Educatrice Sociale).
E lascinano il loro lavoro l'Educatrice Helena e le due Tie, Beatrice e Maria. 
Vi auguro ogni bene e vi saluto con amicizia e gratitudine.
Un grande abbraccio.
Honorio

Da: Suor Alda
Inviato:  domenica 13 dicembre 2015

Buona notte fratello
Noi stiamo bene grazie a Dio, con l’unica eccezione della mia vista...
Ho sentito quello che hai detto su Casa Pillar, che hai un amico dottore interessato ad aiutarmi. Penso che sia migliore fare il trattamento in Mozambico perché in qualsiasi altro modo andrei a spendere di più. Il problema è già stato diagnosticato: cataratta avanzata e una membrana che si sta spostando in direzione della retina. Devo operarmi. Il prossimo giovedì sentirò di nuovo il medico a Maputo, diverso da quello che mi chiese 70.000mt (Meticais, moneta del Mozambico, N.d.T.). La sorella Clotilde e la sorella Ornélia andranno a prendere la macchina per andare a lasciare qualcosa alla famiglia di Honorio (cechi) usando i cento euro dei quali mi parlasti. Per quei 50 euro che mi hai detto di dare alle sorelle, ti riferivi alle sorelle che stanno in Matola-Rio? Sarebbero le sorelle Clara Ussivane e Esmeralda. Quest’ultima sta per andarsene da là per i motivi di cui ti ho già parlato. Le sorelle Clotilde e Ornélia troveranno rifugio con la sorella Alda Uambene Macuàcua ed è meglio che siano loro a dire quello che hanno visto e sentito mentre stavano andando via di lì. Io vi dirò come è andato l’incontro con i bambini ciechi.
Alla sorella Helena ho già detto che avrebbe avuto solo altri 4 mesi di paga, cioè settembre, ottobre, novembre e dicembre. Dopo di che si è presentato il problema del progetto ESSERE UMANO. Non è stato possibile inviare alcun pagamento perché non posso firmare una dichiarazione di donazione al Cenacolo senza che il Cenacolo ne abbia davvero bisogno. Ora, questo dicembre, il progetto ESSERE UMANO ha iniziato a dare i primi frutti anche ai bambini del Cenacolo. Ma dopo averlo lanciato non hanno più risorse per aiutare il Cenacolo e Manhiça e conseguentemente gli impiegati di questi centri perdono il loro posto. Inoltre il principale interesse del progetto ESSERE UMANO era di avere qualcuno in casa per fare relazioni sulla situazione del centro per inviarla a chi si occupa del progetto. La sorella Helena sa già che alla fine di dicembre abbandonerà il Cenacolo ma questo non significa che non sarà più nostra amica. Ma per il progetto Cenacolo, come sai, ho già la sorella Marieta Bilda che ha terminato il corso di educatrice dell’infanzia e la sorella Ornélia che ha sostenuto il corso di educazione sociale e ha avuto un’esperienza di lavoro in una istituzione particolare a Maputo per due anni e ora queste due lavorano con i bambini e molto bene. La sorella Helena inoltre finirà gli studi universitari in pedagogia, e come ha frequentato la scuola e aiutato il Cenacolo insieme, si spera che ora troverà automaticamente una collocazione.
Il fratello ci ha consigliato di prendere le forbici e tagliare (dare un taglio alle attività N.d.T.). Questo perché ci saranno pochi bambini nella scuola, solo 12 bambini interni: Tinoca, Alica, Suzana, Tucha, Alice, Angélica o Jeta, Ignis, Marulucha Coltência, e altri tre, che sono venuti dal nord con la sorella Clara per la riunione del 19 e 20. Dispenserò le sorelle Maria e Beatriz, ma non le abbandonerò. I loro figli e nipoti sono cresciuti nel Cenacolo. Darò a loro due, Beatriz e Maria, il denaro corrispondente a 6 mesi di paga e alla sorella Helena due mesi. Ho dovuto aspettare 4 mesi prima di fare quello di cui il Cenacolo aveva davvero bisogno. Il problema maggiore è la siccità che stiamo passando. Nei campi non c’è nulla. Intanto voglio vedere se avremo delle entrate il prossimo anno, con i bambini della scuola materna che staranno a casa. Pensa che tutto quest’anno erano solo 7 bambini che pagavano settemila meticais e dovevo pagare per le due maestre 5.000, 2.500 per ognuna, 2.000 per la cuoca, e pagare per i figliocci insieme agli orfani, per farli mangiare tutti i giorni. E in tutto questo c’è chi ci chiede un rapporto completo su quello che facciamo, quando le sorelle da tutto questo non prendono nemmeno un centesimo. Io ricevo 10.000 meticais dall’istituto Medio Politecnico Santa Maria del Cenacolo, ma non resta nulla per la casa perché mi serve per il conducente, la cuoca delle sorelle, la foresteria, i campi coltivati, gli allevatori di vacche, la manutenzione della macchina, la benzina e gli eventuali problemi, il cibo e l’igiene, la manutenzione delle case, gli aiuti alle persone più nel bisogno, etc. etc. Se il fratello non mi dicesse qualcosa di quando in quando, la situazione sarebbe più nera del carbone. Per questo farò fare alle sorelle da sé le proprie faccende domestiche, per vedere se si riesce a mettere qualcosa da parte. Sul tema del primo soccorso la sorella Filomena pensa che sia meglio iniziare la costruzione a marzo, perché ora i materiali sono molto cari.
Darò il denaro del quale mi ai parlato alle sorelle Susana, Celestina, Fernanda e a altre per aiutarle. Cento a Susana che si trova in una situazione peggiore della povertà e sta disoccupata in casa tutto questo tempo, mentre le altre la vanno a trovare. Grazie fratello, un saluto.
Sorella Alda 

Inviato: giovedì 1 ottobre 2015 

Buona sera amici del Cenacolo, Mani di Roma
Stiamo bene grazie a Dio. Voi come state? Spero in salute. Vi scrivo per comunicarvi che la vostra figlioccia Amélia Florêncio Macuácua e la sua compagna Fátima Gilberto Vilanculos faranno la professione dei consigli evangelici il giorno 3 Ottobre 2015. Per favore pregate per loro e per me.
Furono aiutate dai vostri padrini di Roma quando erano molto piccole, con Amelia orfana di madre e Fatima orfana di padre.
Vi comunico inoltre che la sorella Clara vi chiede, se possibile, quei medicinali che le hanno curato la gamba, poiché ha già terminato quelli che la madrina Daniela Rossi ha portato ed ha necessità di averli per prenderli quando sente dolore.
Qui sono successe molte cose, con i loro alti e bassi, ma una cosa buona è accaduta. La scuola tecnica funziona ora in due turni, uno la mattina e uno il pomeriggio, e le sale si adattano bene alla crescita delle sorelle e di alcune orfane.
Le stanze dove dormivano i bambini sono occupate dalle alunne che studiano nel nostro INSTITUTO MEDIO POLITECNICO SANTA DEL CENACOLO. Queste vengono da posti molto lontani e vengono quindi ospitate.
Spero che non tornerà mai lo stato di degrado che la Signora Daniela ha incontrato nel 2014, e la cosa la lasciò amareggiata come a me.
Dio tenga in conto tutta la sofferenza che passaste in quel momento e l’aiuto che ci avete dato per migliorare ogni volta le cose.
Voi state sempre nella nostra storia e per questo è impossibile dimenticarvi. Può venire chiunque a dare una mano ma l’aiuto più grande è quello che ci avete già dato all’inizio, e siete tra i primi nelle nostre preghiere quando ringraziamo Dio per i nostri benefattori. Per questo, quando ne avete l’opportunità, venite a farci visita perché tengo la certezza che non vi rattristerete e noi nemmeno. Possa il male rimanere sepolto per sempre e possa invece vivere l’amore e la gioia.

La vostra Sorella
Alda Macuácua 

Da:Padre Honorio
Inviato: venerdì 19 giugno 2015

INFOMAçAO PRA OS MANOS DE ROMA TEATRO 7
Cari amici, un grande saluto da Madrid! In questi giorni ho parlato con SUZANA BENFICA, la studentessa in Diritto. Mi ha informato che il Master incomincia nel mese di agosto (hanno alunni piú che sufficienti), anzichè, come inizialmente previsto, a gennaio 2016. 
Suzana, che inizialmente si orientava per un master in Diritti Umani, chiede invece di poter fare un'altro alternativo, con gli stessi orari, durata e spese, perchè ritiene che sia più arricchente per lei nell'area del Diritto e, soprattutto, con più possibilitá di offerte di lavoro in futuro. 
Questo master sarebbe in Diritto del Lavoro e Relazioni lavorative. Personalemte gli ho risposto che, se lei ritiene che questo Master è quello che gli sembra più utile e professionalmente più vantaggioso, che proceda, previa consulta al team di Teatro 7. A voi la parola, cari amici. Un grande abbraccio. 
E p.f. pensate nella proposta di aiutare sr Alda e suore con un minicorso su amministrazione...sará possibile? avete altre proposte?...siete voi i Prof! 
Grazie ancora per tutto.
hon

Da: Honorio Martin
Inviato:  martedì 16 giugno 2015

Sorella, grazie per il tuo messaggio di ieri. Spero che le mani di Roma possano trovare un aiuto (una persona) per aiutarvi a gestire al meglio le spese. Tutti vogliono il meglio, tutti vogliono aiutarvi, è giusto fare le cose fatte bene, come rispetto ai donatori e per le persone alle quali sono destinati i progetti. Penso che se qualcuno delle Mani riuscisse ad andare a Xai-Xai, potrebbero aiutarvi loro stessi, insegnando alle sorelle i principi base della gestione (e se non sbaglio stai insegnando questi stessi argomenti nell’Istituto Politecnico, non è vero?). Le mani di Roma potranno pensare a un mini-laboratorio di alcuni giorni, una settimana, e insegnare gestione di base, fondamenti di economia, gestione di progetti, ecc. Loro conoscono queste cose molto bene. Grazie per essere aperte a imparare, è segno di umiltà, e permette di fare le cose come si deve, perché già le fate con amore. Ma anche le cose fatte con amore vanno fatte bene sorella, per essere efficaci nel bene.
Non so nulla della reazione di Geral, che sta ancora a Madrid ma domani tornerà a Firenze. Quello che mi hai detto riguardo alle sorelle di S. Pedro Claver? Hai già contattato l’incaricata di Missione? Sai se ha già inviato gli aiuti promessi direttamente a voi o tramite l’Economo generale? (hai il suo indirizzo, chiedi...).
Per quanto riguarda la studentessa SUZANA BENFICA, mi ha informato ieri che inizierà le lezioni il prossimo agosto (posticipando le lezioni, previste per gennaio, perché ci sia un numero sufficiente di alunni. Lei avrà bisogno dei soldi che sono stati dati in anticipo alla sorella per le urgenze economiche... prova a parlare con Susana per favore).
Padre Hon

Da:Padre Honorio

Inviato: mercoledì 3 giugno 2015

Sorella, grazie del messaggio, almeno così alcune cose vengono messe da parte e si prova a risolverne altre, ma sicuramente non tutte. Sorella, sinceramente, siamo arrivati a un punto nel quale devo rimettere in discussione tutto (per quanto possa capire i problemi che questo genera, almeno da parte di voi benefattori principali, le Mani di Roma e il Teatro 7). E temo di avere cambiamenti radicali in arrivo per quanto riguarda la gestione dei fondi. Come se non bastassero le situazioni di emergenza, le quali, nel futuro, spero che riusciremo a risolvere, sento un sentimento, o almeno così provo a interpretarlo io, di non farvi donare più in quanto non posso darvi garanzie concrete di una gestione razionale, illuminata, che divide i fondi in modo equo, che non compia dei passi al di la delle nostre forze, con priorità, valutazioni ecc. Stiamo dialogando ancora una volta, con un sentimento di tristezza, per la cattiva, o meglio pessima, situazione finanziaria del Cenacolo. E le Mani già dicono: basta, in questo modo non si può andare avanti, o ci sono cambiamenti radicali o finisce qui...

Gli ho risposto e sto provando a capire, comprendere, spiegare, ma... certe cose non posso spiegarle... perché non hanno spiegazione, nonostante la buona volontà della sorella. Non si tratta del nostro campo, noi qua abbiamo mille cose per la testa, e facciamo le cose con buona volontà e bontà ma... ci sono diversi errori, senza tenere in conto le molte proposte che io stesso gli ho fatto in questi anni ( consigli sui progetti, preparare le sorelle, camminare secondo le forze, assegnare i compiti a persone responsabili, valutare... ). Ora sto consigliando alle Mani di Roma questa soluzione, la migliore dal mio punto di vista: che una persona nella nostra zona (Xai-Xai o Maputo), preferibilmente una sorella che sappia qualcosa di economia e gestione, sia responsabile ti tutti gli aspetti finanziari, amministrativi e di gestione delle opere, dei progetti ecc. e le si dia fiducia in questo campo, costituendo, per esempio, un piccolo consiglio con determinate persone, come Alda e un membro di un gruppo di Roma. Questo consiglio penserà, prevederà, programmerà, deciderà, garantirà i mezzi, valuterà, ascolterà le varie richieste secondo le priorità e le responsabilità del momento ecc. O, in alternativa, che sia il Gruppo di Roma ad assumere la gestione totale dei progetti, con la partecipazione della sorella Alda, in quanto voi non avete una sorella capace di fare questo lavoro a tempo pieno.

Non so quello che pensa la sorella, ma COSI COME SONO LE COSE OGGI NON SI PUO ANDARE AVANTI. Per questo tema dei mezzi economici, dei progetti, degli investimenti, dei bilanci, delle valutazioni, della ricerca delle risorse, di vari lavori da affidare a ditte locali (con appaltatori, accordi...), non vedo altra soluzione. Scusate, vedere tanta buona volontà e amore per aiutare tutto il mondo e poi la gestione dei fondi non è ben fatta (io anche capisco ben poco di questa materia, naturalmente). Voi fate quello che potete, anche se ciò non è più sufficiente. Non si può continuare a gestire in questo modo le cose. Perdiamo la fiducia di chi ci aiuta perché... non facciamo bene le cose e questo perché non capiamo di economia, non è il nostro campo. Ma ora non è una ragione sufficiente. Se non si fanno bene le cose, si fermano, meglio non fare nulla. Voi che ne pensate? Ora invierò un altro messaggio per rispondervi su altri temi.
Prova a capire tutto questo sorella, per favore, prova a entrare nel nostro modo di pensare, e dicci quello che pensi, ovviamente. Speriamo tutti di potere continuare nel nostro cammino di collaborazione a favore dei bambini, ma con competenza e buoni risultati. Grazie
Padre Hon

Da: Suor Alda ai Padrini, Amici e Collaboratori

Inviato:  martedì 15 aprile 2015

Buon Pomeriggio amici del Cenacolo e bambini di Xai-Xai

A tutti voi molte grazie per il bene che avete fatto a favore dei più bisognosi e delle opere di Xai-Xai. Da quando abbiamo iniziato la nostra opera stiamo cercando in tutti i modi di migliorare l'area dei bambini e già abbiamo rinnovato alcune cose.
Senza il vostro aiuto non avremmo potuto sicuramente fare quello che abbiamo fatto. La scuola media Politecnica ha aperto e abbiamo 55 alunni nel corso di agricoltura-bestiame e 16 nel corso gestione e contabilità. Con le ultime mensilità pagherò i professori. Mi hanno richiesto più computer e libri per la biblioteca. Tutto questo materiale è caro: i libri e i computer. Ora ho 8 computer e nessun libro. Le spese, come sempre, si fanno sentire maggiormente nelle scuole private, dove veniamo rimproverati per quello o per quell'altro perché non soddisfa gli standard richiesti. In ogni caso tutti i vostri aiuti sono stati utilizzati per iniziare la nostra opera, molte grazie. Oggi sono riuscita ad allegare solo le foto della scuola per l'infanzia e spero di essere in grado di inviarle perché le vediate.
Io preferisco sempre che le vostre adozioni siano per il nostro gruppo ma proverò a fare il possibile per trovare quei bambini o giovani che non vivono nel Cenacolo.
Le altre foto della scuola o dell'istituto stanno per essere inviate come quelle delle numerose attività che svolgono qui gli alunni.
Sono molto toccata dalla scomparsa di alcuni padrini. Che Dio li abbia in gloria. Oggi celebreremo la messa per l'anima di suor Maria Martin, sorella di padre Honorio, poiché solo ieri siamo stati informati del fatto.
Un grande abbraccio a tutti prima che salti l'elettricità.
Suor Alda

Testo tradotto dal Portoghese da Davide Montani

Da: Suor Alda ai Padrini, Amici e Collaboratori
Inviato:  martedì 14 aprile 2015

Saluti a tutti voi cari amici del Cenacolo, volevo solo comunicarvi rapidamente che stiamo bene, visto che non posso dilungarmi a causa degli sbalzi di corrente elettrica nel locale. Come notizie posso comunicarvi che alcune cose vanno bene, le foto saranno allegate ma non sarò in grado di inviarle. Lo farò domani con l'aiuto di suor Helena. Nella scuola del nostro istituto abbiamo dei problemi con alcuni materiali, soprattutto libri e computer. Sono tutte cose molto care. Mi fa piacere che molti di voi ci aiutino. Completerò il resto del messaggio domani. Le mie condoglianze a Padre Hon per la morte di sua sorella Maria. La sua anima riposa in pace.
Abbiamo 55 alunni dell'istituto e 19 bambini della scuola per l'infanzia. Domani vi invierò le foto.
Un abbraccio a tutti e felice tempo di pasqua.
Suor Alda

Testo tradotto dal Portoghese da Davide Montani

Da: Honorio
Inviato: lunedì 5 gennaio 2015

Carissimi, di nuovo...BUON ANNO 2015!
Vi invio questa nuova richiesta di sostegno, per diffusione e sensibilizzazione, nella misura del possibile, che mi arriva da sr Alda.
Grazie per l'attenzione e ogni bene a voi e ai vostri cari, e che il Buon Dio vi benedica ogni giorno del 2015!
Un grande abbraccio e un ricordo orante da Monte Senario.
hon
N.B. Il Land-Rover è stato riparato ed è di grande aiuto alle Sorelle! Primo obiettivo raggiunto, e dentro il preventivo accordato!

NUOVA PROPOSTA DI PROGETTO EDUCATIVO CON LE SERVE DI MARIA IN MOZAMBICO

Le Serve di Santa Maria del Cenacolo, nella località di Chicumbane, a Xai-Xai (Mozambico), presentano agli amici e collaboratori una nuova proposta educativa in favore di studenti che vogliono iscriversi nei corsi di Formazione professionale nel loro "Istituto Politecnico Santa Maria del Cenacolo". Infatti, la Scuola Secondaria delle Sorelle si trasforma ora in una entità educativa di formazione professionale aperta ai tanti giovani e giovane della zona rurale di Chicumbane, prossima alla capitale provinciale di Xai-Xai, che hanno finalizzato il loro curriculum di studi secondari, e che non trovano possibilità di formazione professionale perché in tutta la zona non ci sono offerte da parte delle istituzioni statali o private.
Le Sorelle hanno accolto, con grandi sacrifici e senza appena mezzi finanziari propri o altruisti, la richiesta di tante famiglie che cercano per i loro giovani figli una formazione che possa garantirgli un accesso al mondo lavorativo e quindi mezzi di sopravvivenza, possibilità di formare una famiglia, di accedere all'abitazione, nonché collaborare nello sviluppo del proprio Paese.

L'offerta formativa di detto "Istituto Tecnico" si concretizza in Corso brevi nelle aree di Agropecuaria, Informatica, Inglese, Editoria, Gestione, per ora. Dalle iscrizioni sperano ricavare qualche introito anche per la propria sopravvivenza e per portare avanti i diversi progetti umanitari in atto (orfanotrofio, asilo, sviluppo agricola (risaia, orti...), mulino, pozzi d'acqua, educazione adulti, borse di studio ai vari livelli, corsi di costura, ecc.).
Per l'avvio del Progetto "Istituto Tecnico", le Sorelle contano unicamente con le Strutture: Aule (antica Scuola Secondaria). Con le quote di iscrizione ai corsi, confidano di poter pagare i Professori. Quest'anno è previsto, col mese di febbraio, l'avvio di tre aree di apprendimento professionale: Corsi di Inglese, Informatica e Agropecuaria. DI CHE COSA C'E' BISOGNO?:
a) DI ALMENO 15 (quindici) COMPUTER = circa 250 – 300 eu ciascuno);
b) DI ALMENO 15 BORSE DI STUDIO a beneficio di studenti poveri, che vorrebbero iscriversi ai corsi ma i loro genitori non hanno dei mezzi (quasi tutti, nella zona, sono contadini). La quota mensile per ogni corso è di 1.800,00 mts (metical), pari a 50 (CINQUANTA EU), X 10 mesi = 500,00 eu ciascuno anno.
A nome delle Sorelle Serve di santa Maria, e di sr Alda Macuàcua, Responsabile, un GRAZIE DI CUORE per ogni eventuale collaborazione!.
Chi lo desidera, può inviare la propria offerta per questo Progetto Educativo Giovanile, tramite C/C bancario al sottoscritto, che fa da coordinatore del Progetto:

IBAN: IT27 B 05034 37750 000000000707 SWIFT: BAPPIT21N20
Suor Alda Macuàcua, Caixa Postal n. 201 – XAI-XAI, (Mozambico) – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
fra Honorio Martìn, Via Monte Senario, n. 3474 – 50036-VAGLIA, Firenze, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lettere 2014

Da: Suor Alda ai Padrini, Amici e Collaboratori
Inviato: venerdì 3 Ottobre 2014

Carissimi Padrini e Madrine, Amici, Collaboratori e Benefattori delle opere di bene che noi Serve di Santa Maria del Cenacolo portiamo avanti, col vostro prezioso sostegno: Centro Orfani, Asilo, Borse di studio, sostegno a famiglie disagiate e persone anziane o malate, mamme nubili, contributi alimentari, ecc..
Anzitutto vi saluto di cuore augurando ogni bene a ciascuno/a e ai vostri cari. Voi ormai siete "parte della nostra famiglia" tramite i vincoli di fraternità e di solidarietà che ci uniscono. Noi siamo convinte di questo per il fatto di averci aiutato tanto a sopravvivere, a crescere, a formarci, e a portare avanti le diverse opere di misericordia qui, al Cenacolo. Davvero un GRAZIE profondo. Chiediamo a Dio che si realizzi in voi quanto leggiamo nel Vangelo: "Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il Regno preparato per voi fin dalla creazione del mondo, perché ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, nudo e mi avete vestito" (cfr. Mt 25, 34-36). In realtà, quanto noi siamo e possediamo: valori, educazione, case, mezzi... l'abbiamo ricevuto da voi! E per questo, sinceramente, mille volte grazie.
Leggi tutto: Suor Alda ai Padrini, Amici e Collaboratori

Da: fr Honorio m. Martin Sanchez, osm
Inviato: sabato 2 Ottobre 2014 

Dal 03 di settembre al 03 di ottobre 2014, a richiesta delle ‘ Servas de Santa Maria do Cenacolo’, sono stato nella “aldeia comunale” Tre Febbraio, quartiere rurale di Nuvunguene, a Xai-Xai, in Mozambico, con alcune finalita’ precise: a) Orientare gli Esercizi spirituali alla comunita’ religiosa; b) Tenere diversi incontri di formazione con le giovani Professe e Novizie; c) Formazione permanente con la Fraternita’ dell’OSSM ‘San Antonio Pucci’; d) Valutare assieme alle Sorelle la situazione e prospettive delle diverse iniziative umanitarie in atto, come p.e. la Creche, il Centro Orfani, la Scuola Secondaria, attualmente trasformata in Istituto Politecnico Medio, le Adozioni a distanza, la situazione del Panificio, i problemi con iI mezzi di trasporto e di lavoro (macchina per il trasporto di persone, trattore, land-rover, mulino elettrico,  macchina per la pulizia del riso...), allevamento agropecuario, cultivo dei campi per autosostentamento alimentare, ecc…Ecco una condivisione su quanto ho potuto ‘vedere e vivere in questo ‘mese missionario osm  in Mozambico, dopo 4 ann idalla visita precedente.
Tchumene, Matola - Mozambico

Leggi tutto:  DIARIO DI VIAGGIO - IN MISSIONE A XAI-XAI, MOZAMBICO, SETTEMBRE 2014

Da: Queiróz Sundy
Inviato: giovedì 17 luglio 2014
Cari amici Romani è con piacere, con gioia, con amore e con affetto che vi scrivo in questo momento, per comunicarvi la situazione in cui mi trovo ora.
La salute è buona, la vita a Nampula scorre a poco a poco, ma bene, come Dio la manda; siamo già in vacanza dall’Università, le vacanze sono iniziate questa settimana.
Devo dire che il semestre è andato bene, ho avuto successo in tutte e 6 le materie e non ho critiche presentate al semestre chiuso, vedremo con il secondo semestre del mio corso, spero che tutto vada molto bene.
Voglio dirvi ancora una volta GRAZIE, GRAZIE e infinitamente GRAZIE a tutti che avete lasciato quello che dovevate fare per prendere per  mano un ragazzo, che non è nemmeno un membro della vostra famiglia, e avete riposto fiducia in lui, è una cosa che a volte mi porta ad emozionarmi … è qualcosa di strano, ammirabile, e miracoloso.
Grazie a tutti voi anche sapendo che il fenomeno della “crisi” ha toccato tutto il mondo compresa l’Italia, ma che all’interno di queste difficoltà avete trovato i mezzi per aiutarmi, è ammirevole e lodo Dio per avervi accanto a me.
Riconosco tutto il vostro sostegno e prometto di fare del mio meglio, farò quello che devo fare, cioè  studiare, studiare e studiare, perché anche se sembra un dovere è un sogno che voglio raggiungere.
Vi comunico che il secondo semestre di quest’anno inizia i primi di agosto, abbiamo iniziato presto per le elezioni presidenziali che si terranno il 15 di ottobre.
Amici Carissimi, finendo, vi auguro il meglio, come sempre, a voi, alle vostre famiglie e a tutti coloro che vi sono intorno invio il mio amore.
Salute e Pace
Sundy.

Da: Honorio
Inviato: martedì 22 aprile 2014
Carissimi…ancora è Pasqua, e quindi tanti e tanti AUGURI  a voi e ai vostri cari, nella speranza che abbiate avuto giorni sereni! (…)
Ho scambiato diversi mail con sr Alda in questi giorni. E’ preoccupata per sua sorella Clara, anche lei suora, che credo conoscete. Dopo un anno di intensi dolori ad una gamba, in Sud Africa gli hanno diagnosticato un problema serio alla colonna vertebrale, pronosticando che, se non sarà operata, forse rimarrà paralitica…. Allora ho scritto a varie Madri Generali di Congregazioni vincolate all’Ordine e anche al nostro Priore Generale per vedere se sarà possibile sostenere finanziariamente il costo dell’operazione, da fare in Sud Africa. Sembra, al momento, l’unica strada aperta, anche se sr Alda non dispone ovviamente di quanto gli chiedono: quattordicimila eu per l’operazione, senza contare le spese ospedaliere e altre. Da parte della Famiglia dei Servi pare ci sia una iniziale disponibilità a collaborare per questo obiettivo di carità fraterna. Nei prossimi giorni avremmo qualche orientamento.
Del resto la vita prosegue con i diversi impegni.
Grazie e buona continuazione anche a voi!
NB. A settembre si esaurisce la somma (1.800 eu) che vi chiesi l’anno scorso per sostenere alcune problematiche familiari relazionate con persone detenute. Il bisogno-emergenza continua e, per me ma sopratutto per loro, darebbe sicurezza e speranza sapere se potrete rinnovare questo gesto di solidarietà e umanità nei loro confronti per altri dodici mesi, da ottobre 2014 a ottobre 2015.
Che ne dite?
Hon

Da: Queiróz Sundy
Inviato: sabato 15 marzo 2014
Boa tarde queridos amigos, espero que estejam bem de saúde juntamente com as vossas famílias, amigos e amigas. Cá deste lado querido amigos não há motivos de queixa, de saúde estou bem, a minha família e amigos também estão bem, as minhas aulas arrancaram, mas desta vez com intensidade, não paro de agradecer-vos pela oportunidade que tem me dado em apoiar-me nos estudos e sempre serei e estarei gratos pelo vosso apoio incondicional, com esperanças de redobrar esforços deste lado de modo que tenha êxitos nos estudos.
Aproveito desejar-vos um bom fim-de semana e feliz quaresma.
A baixo vos envio o meu horário da aulas neste primeiro semestre.
Cuidem-se se e um forte abraço e orações do vosso amigo Sundy.
Sao 7 disciplinas para este semestre:
1. Tendencia de desarrollo económico en África y en Mozambique;
2. Temas transversales;
3. Técnica de comunicación, de liderar y resolución de conflictos;
4. Economía política;
5. Analice de indicadores económicos e sociales;
6. Técnica de organización institucional y
7. Practicas técnico profesional.

Da: Queiróz Sundy
Inviato: venerdì 24 gennaio 2014
Pesados amigos, Queiram receber minhas saudações, eu estou normal, porque apanhou-me de surpresa  a irma malaria mas ja estou combatendo, queridos amigos gostaria aproveitar por meio destas linhas , comunicarvos que recebi o valor enviado, e ao mesmo tempo renovar o meu agradecimento pelo labor, esforco que tendes feito para o bem do meu futuro.
Estou uma vez mais bastante agradecido, e trabalharei no sentido de satisfazer as necessidades  pertinentes que tem me feito falta.
sem mais delongas termino, desejando-vos uma boa saude. abracos e oracoes.
Sundy

Da: Honorio
Inviato: giovedì 23 gennaio 2014
Ecco il messaggio da parte di sr Alda: Il giorno 07 gli è arrivato il vostro donativo di diecimila eu per il Progetto Istituto Politècnico, e vi ringrazia di cuore.
Ogni bene a voi!
Hon

Da: Irma Alda Macuacua
Inviato: 23 Jan 2014
Boa tarde amigos do Cen`aculo e do projecto Instituto polit`ecnico.
Em primeiro lugar vos peso desculpa pela demora em responder. Tinha viajado e quando voltei encontrei minha irma muito doente e nao tinha tamb`em acesso a internet.
Recebemos em nossa conta o valor de dezmileuros no dia 07 do corrente mes para o projecto Instituto Politecnico. Vamos aplicar o dinheiro para arranjar o material e as maquinas necessarias para o funcionamento dos cursos. Faremos os possiveis de registar tudos as despezas e mantar-vos os justificativos. Ainda o governo esta a dificultar porque nao gosta de ensino particular mas tenho pessoas que ajudam a fazer os contactos
Muitissimo obrigada. A escola `e para comecar em Marso se Deus quiser.
Mais noticias vos mandeirei quando estiver a realizar coisas concretas.
Vossa irma em Cristo
Irma Alda Macuacua

Da: Honorio
Inviato: giovedì 23 gennaio 2014
Buon giorno, Adriano! Mi conferma ora Queiròz che ha ricevuto quanto gli avete inviato per la borsa di studio. Informerà anche te, ringraziando ancora per questo importante sostegno per gli studi. GRAZIE  a te per promuovere solidarietà tra i tuoi amici in favore di questa bella causa.
Sei e siete GRANDI!
Rispetto agli altri possibili aiuti, ricorda che ti avevo commentato che la suora MARIANITA, studentessa di Medicina, ha concluso gli studi, e fa un anno di pratiche. Mi ha confermato che NON ha più bisogno della borsa di studio, e che ringrazia di cuore. Vi vuole invitare per la sua Laurea…..
E per il resto…..de borsisti (Teofelo , Pianificazione e sviluppo regionale, terzo curso, (700 eu); studente Nelson, Liceo (350 eu); nipote di Custodio: Licinio, secondo corso di Auditoria e Contabilità, 2.000 eu)…. sarà possibile qualche sostegno?. La studentessa Suzana, quinto di Diritto,  ancora non mi ha contattato per rinnovare la sua borsa (mille eu annui).
Sul conto di Custòdio si potrebbero inviare tutti questi aiuti, perché lui si trova a Matola, e poi li distribuirebbe agli interessati. E anche lui potrebbe fare la lettera o ricevuta, se gli indicate i termini.
Ogni bene!
hon
La famiglia che ha il marito in carcere va avanti fiduciosa e grata per il vostro contributo mensile. Assieme ad altre persone che collaborano si riesce a garantire mensilmente affitto, vitto, alloggio, spese vive e bollette, trasporto…..UN VERO MIRACOLO NEL QUOTIDIANO VIVERE! GRAZIE da parte loro e miaaa…DIO VI BENEDICA!!!

Lettere 2013

Da: Queiróz Sundy
Inviato: giovedì 14 novembre 2013
Cari amici Fra Honorio, il signor Adriano e Michele , con la speranza che questo messaggio vi trovi in pace e salute in azienda con tutti i vostri amici e famiglie . Io sto bene grazie a Dio, vorrei solo dirvi che l’anno scolastico è terminato, in questo momento ci stiamo preparando per gli esami, e anche dire che delle 6 materie di questo semestre , farò due esami, dalle altre materie sono stato dispensato dai voti migliori che ho avuto, se volete potete vedere sul sito dove che ho indicato per vedere tutto quello che succede a me all’università a questo sito : edonzo , è possibile inserire il seguente codice in due spazi vuoti 11.0861. (…)
Con questo voglio dire che l’anno scolastico 2013 è andato bene per me come gli altri anni, gli esami saranno condotti nelle prossime due settimane, quindi vi ringrazio a sufficienza per il vostro sostegno, perché senza di te la mia vita di studente non avrebbe alcun significato.
Dopo le prove, poi seguire la festa, che ha avuto inizio nella terza settimana di dicembre, vado al mio paese un paio di giorni per trascorrere le vacanze e Capodanno a casa con la mia famiglia e gli amici .
Grazie di tutto e grazie davvero.
Un grande abbraccio da un tuo amico Queiroz

NOVITA’: NUOVO PROGETTO. Ecco la corrispondenza con Suorr Alda e Padre Honorio, in cui viene spiegato il nuovo progetto.
Da:
Suor Alda
Inviato: 6 settembre 2013
Cari amici,
non sono certa che riceverete questo messaggio visto che sono tre giorni che tento ma non riesco ad avere accesso ad internet.
Noi stiamo tutti bene, grazie a Dio. La malattia sta passando grazie agli infusi che bevo in continuazione. Praticamente vivo di foglie e mi sembra di migliorare di giorno in giorno, con i dolori che si fanno sentire sempre di meno.
Noi sorelle siamo molto fiduciose sul buon esito del Capitolo Generale che si avvicina.
La casetta che Beatrice sta costruendo per Esténsio è a buon punto e credo che già vi abbia mandato una lettera di ringraziamento. Anche Maria è impegnata con la sua.
Io sono presa totalmente dalla scuola perché voglio che il prossimo anno funzioni alla perfezione. Per questo rivolgo a questo impegno tutte le mie forze.
Per fare in modo che la scuola sia più funzionale pensiamo di trasformarla da istituto per l’insegnamento generico ad istituto tecnico che comprenda tre corsi: agraria, contabilità e gestione ambientale. Così lo studente ne uscirà con un livello di scuola superiore, pronto per entrare all’università.
Speriamo di non cadere più in errori grossolani come in passato, dettati dall’inesperienza, dall’ingenuità e dal gran numero di alunni che non pagavano le mensilità.
Ancora problemi… sono di nuovo disconnessa! E’ possibile che non riceviate questa mail prima di domani… oggi è il 2 settembre, vediamo a che ora e in che giorno sarà possibile inviarla…

Questa mail viene seguita, un paio di mesi dopo, nel novembre 2013, da una mail di padre Honorio, che spiega in modo dettagliato il progetto. Eccola:
1.- NOME DEL PROGETTO - Istituto Medio Politecnico “Santa Maria Del Cenacolo”
2.- ISTITUZIONE RESPONSABILE - Suore Serve Di Santa Maria Del Cenacolo
3.- RESPONSABILE DEL PROGETTO - Suor Alda Uambene Boa Macuacua
4.- UBICAZIONE DEL PROGETTO - Il progetto si realizzerà nella Provincia di Gaza, Distretto di Xai-Xai, Villaggio Comunale di Chicumbane, Posto Amministrativo di Chicumbane, a circa 200 km da Maputo, capitale del Mozambico, a 15 km dalla città di Xai-Xai, e 800 mt dalla strada nazionale n.1.
5.- PRESENTAZIONE - Questa iniziativa è una prolungazione del progetto IL MIRACOLO DELLA CONDIVISIONE, che fu lanciato nel 1986 quando, da parte di persone, generose incominciarono a condividere i loro beni in favore delle opere socio-umanitarie delle Suore Serve di Santa Maria del Cenacolo, specialmente a beneficio dei bambini e bambine orfane accolti dalla Sorelle. Da questa iniziale condivisione sorsero altre attività in favore dello sviluppo e sostegno educativo, agricolo, umanitario, ecc., come un Asilo e una Scuola Primaria; e una Scuola Secondaria che attualmente sta per trasformarsi in un Istituto Politecnico.
Siccome nel Posto Amministrativo di Chicumbane la richiesta maggiore dei giovani studenti è poter accedere alla Formazione Tecnica, che attualmente non c’è, la Comunità delle Sorelle, in collaborazione con le Istituzioni Educative dello Stato Mozambicano, per portare avanti la lotta contro la povertà assoluta nella regione, vuole offrire l’opportunità di accedere alla Formazione Tecnica da parte dei giovani studenti Pre-universitari, che sono molto numerosi nella zona. La moltiplicazione di Ditte tecnologiche nel Paese, con il vantaggio di offrire lavoro alle nuove generazioni, sono una opportunità che favorisce lo sviluppo del paese e argina la mancanza di lavoro, se si preparano dei tecnici.
In torno al villaggio comunale di Chicumbane ci sono altri 5 nuclei abitativi, con circa 649 giovani in età di poter frequentare rapidamente l’Insegnamento Tecnico Professionale . Per l’anno scolastico 2014 (febbraio) incominceranno tre corsi: AGRONOMIA, ECONOMIA E GESTIONE, CONTABILITA’.
6.- OBIETTIVO DEL PROGETTO: Creazione di un Istituto Medio Politecnico nel posto amministrativo di Chicumbane.
7.- BENEFICIARI - Studenti di Secondaria, Liceali o Preuniversitari.
8.- OBIETTIVO GENERALE - Sviluppare un istrumento potenziale di Scienze Tecniche nel contesto di sviluppo del Paese.
9.- OBIETTIVO SPECIFICI
a) Offrire opportunità di qualificazione tecnica a giovani che hanno lasciato gli studi o non trovano lavoro;
b) Ridurre la povertà estrema e la mancanza di lavoro e offrire opportunità per impiego qualificato.
10.- GIUSTIFICAZIONE DEL PROGETTO- Il Posto Amministrativo di Chicumbane, e quelli vicini di Chipende e Chissano, contano unicamente con Scuole Secondarie, dove un alto numero di studenti finisce con il Diploma medio, ma non c’è qualsiasi offerta a livello di Formazione Tecnica.
11.- ASPETTATIVA DI RISULTATI
a) Formare giovani per il mercato lavorativo in territorio;
b) Aumento della produzione economica familiare attraverso l’utilizzo di nuove tecniche di produzione;
c) Integrazione sociale ed economica dei giovani studenti.
12.- SITUAZIONE ATTUALE DELLE INFRASTRUTTURE
Abbiamo 5 sale che si possono utilizzare in qualsiasi momento per la didattica, più 1 sezione amministrativa (ufficio Direttore, equipe pedagogico, segretaria, sala incontri per il corpo docente); 1 Biblioteca; 1 sala per Informatica.
13.- NECESSITA’ MATERIALI PER L’IMPLEMENTAZIONE DEL PROGETTO
A) 20 Computer: 607 eu X 20 = 12.064,00 eu
B)01 Fotocopiatrice: 1.300,00 eu
C) 01 Land-Rover per svariati ed essenziali servizi educativi e sociali: 28.327,00 eu
D) 01 Pozzo d’Acqua: 14.164,00 eu
TOTALE SPESE PREVISTE PER L’INTERO PROGETTO
55.865,00 eu
NB. A quanti hanno collaborato, o collaboreranno ancora, a beneficio del Progetto IL MIRACOLO DELLA CONDIVISIONE, e in favore del Nuovo Progetto appena presentato: ISTITUTO MEDIO POLITECNICO SANTA MARIA (IMPSM), il nostro più vivo ringraziamento. La generosità di tanti ha trasformato già parte della nostra foresta in un villaggio abitato da famiglie, bambini e giovani pieni di speranza. Aiutiamoli ancora a formarsi adeguatamente per poter guadagnarsi la vita responsabilmente per sé e per i propri cari e contribuire così al benessere e alla pace in questa bella terra del Mozambico.
Xai-Xai, 29 ottobre 2013
Suor Alda Macuàcua
(per informazioni, pf contattare fra Honorio Martin: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Da: AdrianoBennicelli
Inviato: 6 giugno 2013
mensalidad-Junio-e-adelantameiento-de-dos-meses-mas
Il nostro amico ci da qualche notiziola e il consueto ringraziamento.
In allegato la ricevuta del pagamento effettuato presso l’universita di Nampula. Il ragazzo studia. grazie a tutti e a presto.
“Benos dias a todos, y espero que esteis bien. por Nampula todo muy bien, las clases van bien, aqui os adjunto el recibo de la mensalidad de Junioy adelantamento de dos meses, o sea hata agosto. Muchisimas gracias por tod y saludos a vuestras familias.
un abrazo de Queiroz”

Da: Honorio Martin
Inviato: 15 aprile 2013
Tutto arrivato, Michele! Sr Alda parla di una quantità di 6.855,62: sono soldi che gli ha inviato il nostro Economo generale (donativi dei padrini per adozioni e altre diverse offerte). I 6.000 di cui parla si riferisce alla quantità che gli hai inviato te. Grazie a tutti voi! E’ bellissima questa condivisione!
honDa: Suor Alda Macuacua
Inviato: 15 aprile 2013
Boa tarde frei. Cá tudo bem graças a Deus.
Ontém e hoje estava impossibilitada de comunicação por problema do tempo ontém e por problema do internt esta manhã.
O banco me informa destes valores: 6. 855,62 Eur e 6.000 Eur. Mas debitou-me 4,68 Eur dia 11 do corrente pelas duas importâncias.
Cobram muito quando se levanta.
Desejo-vos todo o bem. Eu já mandei confirmar ao ecónomo, só que nesse dia oscilaa muito a energia. Não sei se entrou..
Ir. Alda
 
Da: Honorio Martin
Inviato: 21 marzo 2013
Ecco alcune fotografie sulle innondazioni a Xaxai nel mese di gennaio scorso. Le Suore nostrane hanno perso i cultivi e tante persone tutti i loro averi e più di un centinaio anche la vita.
Potete procedere ad inviare a sr Alda i soldi di cui avevate informato essere disponibili, più i mille eu di Alberto e Daniela per gli studenti che sosengono. P.f. informate sr Alda, che sa già in merito. Grazie di cuore e Buona Pasqua!
Abbraccio grande!

moz5moz6moz7moz8


Da:
Adriano e Cristina Bennicelli
Inviato: 12 marzo 2013
Ciao amici del sostegno a Queiroz,
grazie al nostro ultimo invio – 2300 euro, nel dicembre scorso – il nostro amico universitario si è iscritto al terzo anno di corso e può programmare con serenità il prossimo periodo di studio e di permanenza a Nampula. Come ci riporta assiduamente, i risultati degli esami sostenuti sono molto incoraggianti, e ci spingono con fiducia ad insistere nel sostegno fino al completamento del percorso. Nell’ultima mail (…) ci relaziona sulla difficile situazione conseguente alle piogge costanti, che hanno provocato inondazioni in molte provincie del paese. Come già successo in passato, le alluvioni distruggono case ed infrastrutture, causando malattie ed altri notevoli disagi, soprattutto in agricoltura. Fortunatamente Nampula è una metropoli organizzata e almeno lui non corre pericoli. Ci relaziona inoltre sulle materie previste nell’anno accademico corrente, promettendo il massimo impegno per un buon esito degli esami. Ci ringrazia infine per quella che definisce la nostra “apprezzata attenzione e collaborazione”.
Insomma mi sembra che, grazie all’azione di tutti, questo sostegno vada concretamente a buon fine, come auspicato all’inizio del nostro impegno.
Grazie ancora, continueremo a relazionarvi non appena avremo novità importanti.
Adriano e CristinaDa:Padre Honorio Martin

Lettere 2011-12

Adriano e CristinaDa:Padre Honorio Martin
Inviato: 31 ottobre 2012
Salve, Adriano! Come state gli “romani”? Qui incomincia il bel freddo (polare!) e tanta pioggia!
Allora, faccio un “memento” sulle “sfide” presenti. Voi direte dopo fino a che punto si potrà aiutare, se lo considerate adeguato.
C’è il bravo studente Queirò (che porta avanti due indirizzi universitari -è veramente bravo, bisogna dirlo, e serio, con informazione puntuale, e con impegno concreto -; la borsa studio del corso precedente (che finisce normalmente il prossimo novembre), era di 2.100,00 eu. Lui mi aveva scritto, ed io ho consigliato lui di scrivere a te, se era possibile aumentare un pò, perchè tra devaluazione del Metical e aumento di tasse, arrivava “così così ad afrontare le spese totali… Se fosse possibile, è ipotizzabile un aumento di circa DUECENTO eu? Credo che questa borsa la portavate avanti tu e alcuni amici.
Invece, per le seguenti borse, credo che i fondi arrivavano dai fondi Teatro 7, se non mi sbaglio:
a) Studentessa Suzana Benfica, studentessa di 3 anno di Dirittto: il preventivo per il corso 2013 sarebbe dimezzato rispetto a quello del 2012 (ha risparmiato al massimo in diverse voci, e quindi con il risparmio, più una contribuzione minore, ce la farebbe: 1.000,00 eu (anzicchè i duemila dell’anno precedente).
b) Sr Marianita, la suora che inizierà il sesto e ultimo anno di medicina: Il preventivo è alto, secondo mi ha specificato, soprattutto per il costo dell’affitto della stanza, per anno (mille eu). La borsa di studio che avete destinato per lei, era di Duemila eu. Se riuscite al meno a mantenere questa cifra, per lei sarà un grande dono.
c) A queste spese si aggiungerebbe, secondo le vostre scelte e disponibilità, l’attenzione ad altre due situazioni (vedete voi con pace…):
1.- Il giovane Teofelo Tcheco, studente universitario di Geografia, della nostra missione a Matola: chiede sostegno per i suoi studi: Borsa di studio di Seicento eu per annum. Quest’anno ho cercato io di “racimolare” questi 600 eu bussando ad alcune porte, ma…per il 2013 mi pare di non riuscirci…le difficoltà sono un pò in tutte le famiglie….
2.- E poi, se ancora avete disponibilità e fondi….forse un aiuto (per la scuola) di altri 500 eu per 4/5 nipoti (orfani) di fr Custòdio?
Mi vergogno un pò a fare “il mendicante”, sapendo pure come stanno le cose qui, ma abbiate misericordia di me…. Ragazzi/ragazze, fate quello che potete e state in pace!
Sr Alda è contenta dell’andamento della Panetteria, e spera di inviare in breve alcune fotografie on-line. Hanno incominciato con un sacco di farina (il progetto iniziale era di 10 sacchi…), ma sono contente perchè possono offrire ai bimbi Pane fresco, fatto da loro!. Dice che c’è molta siccità, ma con il lavoro nei campi riescono a mangiare qualcosa, almeno l’essenziale.
Vi saluta, ricorda e ringrazia sempre tanto, assieme ai piccoli!
Ogni bene e grazie per quanto, ancora un anno, potrete fare per i nostri piccoli fratelli, e per i futuri professori, medici, geografi e avvocati!
Un caro abbraccio e ricordo affettuoso dal Monte!
hon
moz1moz2moz3moz4

Da: Padre Honorio Martin
Inviato: 18 settembre 2012
Carissimi, un cordiale salutone, con i migliori auguri per il nuovo corso di attività e di impegni!
Soltanto per informarvi che sr Alda mi ha inviato un sms ieri dicendo che, finalmente, il Progetto PANE PER TUTTI è incominciato a camminare, e che il giorno 15 è stato sfornato il primo pane e nello stesso forno a legna è stato arrostito un piccolo maialino, in occasione della festa di famiglia Nostra Signora dei Dolori, al Cenacolo, Xai-Xai. Quindi, il progetto del Forno è in moto!. Ho chiesto e richiesto a sr Alda di inviarvi delle foto digitali e di darvene notizia. Speriamo che ci riesca in tempi brevi. Come sempre, tante difficoltà per comunicare (erano quasi due settimane senza connessione via internet). Vanno avanti con i lavori nei campi per produrre cibo per i bisogni del Cenacolo (circa cento persone da sfamare ogni giorno…); sembra che ci riescono di più con la risaia, a Macia. Del resto (mais e altre prodotti), hanno raccolto poco o nulla, per siccità. E’ quanto vi trasmetto per “gioia comune”.
A Matola continua solo fr Custodio, e verso la fine dell’anno dovrebbe incorporarsi fr Josè Correcher, che si incaricherà della Parrocchia.
State bene, “missionari/e di città“!
Un caro abbraccio a voi e ai vostri.
hon

Da: Padre Honorio Martin
Inviato: 10 marzo 2011
Caro Adriano,
sono ancora “fuso” dalla vostra sensibilità e risposta a queste richieste di aiuto. Quando mi sono arrivate, attraverso fr Custódio, mi sono detto: Signore, tu sai che io non ho delle  possibilità per dare una mano (il “mio” stipendio mensile…sono settantacinque eu!), ma se Tu vuoi aiutare queste ragazze…Sono certo che saprai indicarci la strada. E vi posso assicurare che…non è la prima volta che il Signore risponde così presto e così generosamente! Se Lui guarda a voi….”non è colpa mia”, ma posso anche “chiedergli”, se è possibile, che la prossima volta…guardi anche al portafoglio di altre buone persone quanto voi!
Grazie davvero, e di cuore! La mia preghiera per voi e per quanto collaborano: questi sono gli unici “assegni” che ho, per voi e le vostre famiglie e collaboratori.
hon

Da: Padre Honorio Martin
Inviato: 7 marzo 2011
Adriano, Alberto, Michele, and….Consorti! grazie per la buona nuova, che sarà motivo di tanta gioia per queste giovani donne che vogliono studiare. Per ora non sono in grado di specificare il motivo delle spese, ma andrà tutto per affitto stanza, iscrizioni università, cibo, materiale di studio. Quando avrò dati sicuri vi dirò. Riguardo alla divisione del donativo mi sembra opportuno il vostro suggerimento, e propongo di destinare così -ditemi se va bene e dopo comunico la bella notizia agli interessati-: 2.000 eu a ciascuna delle due studentesse; e 1.000 ad un altra religiosa per prendersi cura di diversi nipoti (di varie età e situazione) che sono rimasti orfani di padre e madre, e questa suora si deve occupare di tutto: cibo, vestito, scuola, ecc, e non ce la fa da sola. La conosco da tempo, è infermiera, ha cercato di iscriversi ad un Istituto e non ci è riuscita per mancanza di soldi. Gli altri 5.000 euro, suggerisco di destinarli a comprare dei computer per la scuola s. gabriele (vi dicevo che hanno rubato i 21 computer dalla scuola di informatica. Era anche una proposta che aveva suggerito Adriano, io li ho detto di aspettare, ma…per ora non arrivano grandi aiuti…Potrebbe andare? (per vostra tranquillità vi dico che pochi giorni fa noi da parte di padrini e donativi OSM abbiamo inviato ad Alda 15.000, euro…niente male,vero? e cosi dividiamo un pò secondo i bisogni….
Dopo comunicherò ad Alda come deve fare. L’importante è che ora mi dite ses va bene cosèi oppure avete altre indicazioni. Sono all’universitèa…sto…ringiovanendo…con 5 ore di scuola al mattino e..seminari al pomeriggio!!!
Gazie di nuovo e state bene.
hon

Lettere 2010

Da: Padre Honorio Martin
Inviato: 4 dicembre 2010
MICHELE,  ADRIANO, ALBERTO, GRAZIE PER TUTTE LE GESTIONI FATTE PER IL BONIFICO! SCUSATE I DISTURBI, CONOSCETE LA REALTÁ QUI…
Tantissimi saluti e ringraziamenti da sr Alda e da tutte qui. Domani abbiamo la festa dei XXV anni di sr Clara e la Professione di sr Esmeralda.
Manuelito é molto felice di trascorrere questi giorni qui al Cenacolo. Ieri fa fatto un caldo fortissimo, ma dopo ha piovuto tutta la notte a dirotto. Oggi grande umiditá ed é tornato il caldo. La sala da pranzo ancora non é conclusa, stanno mettende porte e finestre, e manca il pavimento. Tutto pian piano… Per l’internet…questo é il terzo tentativo di scrivervi queste righe…l’anergia elettrica va e viene a piacimento!. A presto, ogni bene. Hon

Da: Padre Honorio Martin
Inviato: mercoledì 1 dicembre 2010
Salve, Adriano, Alberto, Michele!
Da Xai-Xai, con una giornta di forte caldo, dopo le intense pioggie di questi giorni, un caro saluto da parte di Alda e di tutti qui! Qui oggi ci si prepara per andare domani alla spiaggia di Xai-Xai. I piccoli non vedono l’ora che li portiamo in mare! Io sto per concludere i miei incontri con le Suore (formazione e predicazione:circa 20 incontri in cinque giorni!!!…sono mezzo “sfinito” iooo….e poi il caldo, l’umiditá e…i problemi con l’acqua (tocca la doccia “manuale”!!), e ogni tanto con l’energia (cose tutte “normali” qui…).
La nuova salda da pranzo, e sala per incontri o giochi, é “quasi” finalizzata; questi giorni collocano le porte, finestre, e finiscono il pavimento. Si spera che sia pronta per il Natale. I costi per la costruzione sono cresciuti di molto (eppure sono le sorelle che hanno comperato il cemento e il resto di materiali, mentre i blocchi si sono fatti qui..).
Col tempo, le suore si orientano per accogliere unicamente delle bambine. Non é facile per loro l’educazione e poi pensare al futuro per quanto riguarda i ragazzi. Hanno inviato 3 ragazzetti alla Scuola Agraria, in Chókwé; pagano all’anno novemila mts per ciascuno. Hanno un’altro gruppo di 6-7 pre-universitari che sostengono come possono. Per il prossimo anno scolastico, da febbrario, hanno ricevuto l’assicurazione, da parte del Direttore distritale di Educazione, che ci penseranno loro a pagare i Professori al Cenacolo, quindi avranno un buon aiuto, anche se non pagheranno da subito tutti i Prof. Ma é qualcosa.In questo modo potranno accogliere piú studenti nella scuola secondaria.
Alberto e Daniela, i “vostri” Manuelito e Amélia stanno molto bene, super contenti e gioiosi.
Auguroni e pace.
La vita al Cenacolo va avanti, con delle difficoltá del giorno dopo giorno, ma nella speranza di fare un pó di bene!
Sr Alda ha qualche problema di salute, che cerca di curare con la medicina tradizionale.

Da: Padre Honorio Martin
Inviato: 27 novembre 2010
Salve, Alberto e Daniela! Sono a Xai-Xai, con sr Alda, e scrivo dal Cenacolo, finalmente! Ho portato con me Manuelito, dopo aver chiesto permesso ai Servizi Sociali di Matola: una settimana qui con un’altro gruppo di bambini di Matola per alcuni gironi di ferie! Sr Alda vi saluta tanto e vi ringrazia per tutto e per i doni. Vi scriverá lei stessa. Anche la vostra figlioccia ha ricevuto il regalo e sta molto bene. Io ho incominciato gli incontri con le sorelle e rimango qui fino a domenica 5, quando celebreremo il XXV di vita religisoa da ir. Chiara e la Professione perpetua di sr Esmeralda.
Questi giorni ha piovuto abbastanza, e oggi abbiamo un forte caldo.
Riguardo a Manuelito, purtroppo Alda non vede molte soluzioni possibili. Infatti a Casa del Gaiato non ricevono ragazzi dopo i nove anni e non á facile in altre strutture. Manuelito ha ora 15 anni,é piú alto di me e si ricorda di tutti voi personalmente, e anche dei ragazzi.
Stanno completando la sala da pranzo, che ancora non ho visitato. Porteró qualche fotografia. Sr Alda si orienta per indirizzare i ragazzi pdiú cresciuti verso altre istituzioni dato che loro non riescono a gestire questa fase, e anche per i problemi di relazionamento con delle bambine.
Sr Alda l’ho trovata bene, anche se con alcune difficoltá, di cui vi parleró.
Abbracci e un grande salutone.hon
Il tema Borse di studio diventa sempre piú importanti qui. Aaron sta studiando il 2 anno di Ensino de Fisica (per diventare Professore di Fisica), nell’universitá qui a Xai-Xai; e Marco sta studiando Economia e Auditoria, nell’universitá privata, ecclesiastica, S. Tommaso.Sono di molto aumentati i bambini accolti. Vi daró altre informazione piú avanti.
Saluti e Grazie da parte di tutto il mondo qui.

Da: Padre Honorio Martin
Inviato: 29 ottobre 2010
Cari amici, un saluto affettuoso, con i migliori auguri per voi, i vostri cari e collaboratori!
Vi allego il testo completo del Progetto socio-agricolo-educativo presentato da sr Alda, per venire incontro ai bisogni di accoglimento, vitto, educazione, e coltivazione del riso, ecc., in favore del nostro piccolo “villaggio” di bambini, giovani studenti, anziani e sorelle a Chicumbane, Xai-Xai (Mozambico).
Sapete che vado ad incontrare questa realtà il 22 novembre, per due settimane. Accompagnatemi e inviate grandi “scatole di baci e di affetto” per i piccoli orfani del Cenacolo!
Nella misura del possibile, vi prego di sensibilizzare i vostri ambienti, anche se un pò tutti sperimentiamo le  difficoltà per la crisi economica, ma, come sapete….”lì” la crisi economica la vivono….in modo permanente e quasi totale!
Ovviamente, ci sono molte diverse maniere di collaborazione, come appare nello stesso Multi-Progetto in allegato; l’importante é però che ciascuno dia il suo cordiale contributo nell’area che ritenga più adeguata alle sue possibilità e voglia di far bene. Si può continuare con le Adozioni, di singoli bambini o di tutto il Gruppo di bambini; nel settore delle Borse di studio, che diventano sempre più decisive; per garantire il vitto quotidiano; per investire nel cultivo del riso e del mais, e così garantire un minimo di cibo…vedete voi, secondo i vostri contesti. Anche in prossimità del Natale.
Grazie per l’attenzione e un grande abbraccio amico!
honorio

PROGETTO SOCIO-AGRICOLA-EDUCATIVO:  “IL  MIRACOLO DELLA CONDIVISIONE”, 2010-2012
Suore SERVAS DE SANTA MARIA DO CENÁCULO – Suor Alda U. Boa  MACUÁCUA
C.P. 201- XAI-XAI (Gaza)
MOZAMBICO
SCHEDA del Progetto
1.- TITOLO E PRESENTAZIONE
La generosità di alcuni Collaboratori nei confronti dei più bisognosi, ha reso possibile, da alcuni, che nel villaggio di Chicumbane, quartiere di Nuvunguene, distrito di Xai-Xai, nel sud del Mozambico, sorgesse un ambiente  e struttura di accoglienza che, oggi, nel 2010, beneficia, diretta e indirettamente quattrocento (400) persone. Una realtà che si concretizza in una sessantina di bambini e bambine orfani o appartenenti a famiglie disagiate; mezza dozzina di anziani abbandonati; un asilo per una ottantina piccoli; una scuola pre-universitaria con capacità per accogliere 450 alunni.
Il Progetto non è nuovo; infatti, iniziò il suo percorso una ventina di anni fa, quando le sorelle cattoliche Mozambicane “Servas de Santa Maria do Cenáculo” accolsero alcuni bambini e bambine orfani di guerra, dell’AIDS e, più tardi, a conseguenza delle tragiche inondazioni dell’anno 2000.
Gli obiettivi di questo progetto di accoglienza, nella sua fase iniziale, erano quello di: a)  ridurre la mortalità infantile, la miseria e la vulnerabilità che toccava in modo particolare i tanti bambini mozambicani, specialmente gli orfani; b) appoggiare persone anziane che avevano persi i figli o che erano stati abbandonati dalle rispettive famiglie. In ogni caso, la realtà era che nella  zona rurale di Chicumbane, la maggioranza delle famiglie non aveva condizioni, per ragioni di estrema povertà, per garantire l’alimentazione e l’educazione basica dei loro figli, né l’assistenza alle persone anziane, né tanto meno per offrire la possibilità di studi superiori ai giovani.
Il numero dei bambini che accogliamo ogni anno al Cenacolo (così chiamiamo la nostra casa), cresce sempre di più, e anche se ci sono dei benefattori che hanno un cuore buono come quello di Dio e ci aiutano a dare da mangiare a questi piccoli e alle persone che ci sono accanto a noi, grazie soprattutto alle “Adozioni a distanza”, individuali o di gruppo, per le quali ci si impegna a versare 25 eu al mese, il fatto è che sempre più frequentemente ci troviamo con delle difficoltà per garantire a tutti l’essenziale ai vari livelli, specialmente a quello degli studi (in particolare per quei alunni che non hanno modo di pagare retta alcuna per la scuola media, quelli universitari  e gli stipendi ai Professori della nostra Scuola). Di fatto, ad oggi, non riusciamo a coprire mensilmente tutte le spese che abbiamo per le diverse attività e iniziative. Ed è questa la ragione del presente Progetto  di Sviluppo Socio-Agricola-Educativo che proponiamo.
Abbiamo incominciato accogliendo 20 bambini ma, come già scritto, ogni anno arrivano nuove richieste di famiglie per accogliere i loro piccoli. Attualmente aiutiamo a duecento (200) bambini (alcuni orfani, altri di famiglie molto povere o disagiate), di cui 50 sono orfani o vengono da famiglie in difficoltà e dipendono totalmente da noi sorelle, abitano con noi e prendono tre pasti al giorno. 80 sono semi-interni (asilo), prendono due pasti al giorno, e rimangono nella nostra casa dalle 8 del mattino alle 16 di pomeriggio.
Il resto sono esterni e gli aiutiamo con un pasto settimanale, vestito, materiale scolastico. La situazione della popolazione, nella nostra zona, come nella maggior parte del Paese, è di  generalizzata di povertà.
Ci prendiamo cura anche di sei anziani che abbiamo accolto nella nostra casa, e offriamo vitto e alloggio a sei giovani , i quali, soprattutto  per cause economiche, non  possono frequentare la scuola media, e neanche trovano lavoro. A questi si aggiungono tre giovani che fanno studi all’università, che cerchiamo di aiutare anche con l’appoggio di alcuni padrini. In tutto offriamo ogni giorno 150 pasti, per noi qualcosa di straordinario.
Qui si sopravive soprattutto grazie alla produzione agricola familiare di base e al’allevamento  di bestiame (porci, capre, mucche, galline, conigli…). Per questo, i nostri settori di impegno prioritari per garantire cibo e scuola per il piccolo “villaggio del Cenacolo”, sono il lavoro nei campi (orto, risaie,mais..), le adozioni a distanza e la ricerca di borse di studio per questi giovani e per pagare gli stipendi ai professori, convinte che,csenza cultura, non ci sarà uno sviluppo integrale ed  un futuro degno per i bambini e i giovani.
In questo senso, la piccola Comunità di sorelle ha cercato di esser una presenza di speranza e di aiuto concreto alla popolazione del luogo, appoggiando le famiglie più bisognose (vedove, famiglie numerose, con malati o con anziani) a costruire la loro abitazione tradizionale (“pallhota”), a garantirne l’accesso all’acqua potabile con la finanziazione di pozzi d’acqua; facilitando i mezzi per l’agricoltura di sussistenza (zappe e strumenti agricoli..), e creando una mentalità comunitaria, sensibile al bene comune.
In questo senso, abbiamo convogliato alcune famiglie del luogo per cercare un terreno adatto al coltivo del riso, distante 80 km da Nuvunguene, riuscendo ad ottenere dal governo l’utilizzo di 50 ettari di buona terra per  essere spartito tra i vari contadini interessati. Ed ecco la ragione del presente progetto.
2.- ORGANIZZAZIONE CHE PRESENTA IL PROGETTO
Sorelle SERVAS DE SANTA MARIA DO CENÁCULO
C.P. 201 – XAI-XAI (Gaza) Mozambico
Responsabile: Suor Alda Boa Uambene MACUÁCUA
3.- UBICAZIONE  DEL PROGETTO
Il Progetto, “Il miracolo della condivisione”, si localizza nel villaggio de Chicumbane, quartiere di Nuvunguene, in Mozambico, a 800 mt dalla strada nazionale n. 1, 200 km da Maputo, e a 15 km dalla capitale provinciale di Gaza, Xai-Xai.
4.- BENEFICIARI DEL PROGETTO
Beneficiari diretti:  circa 200 persone,  delle quali 100 bambini, interni ed esterni; 6 anziani; 6 studenti del ciclo medio e tre universitari.
Beneficiari indiretti:
- Il villaggio di Chicumbane (“aldea comunale”, con i suoi vari quartieri), che ha circa tremila abitanti (3.000), senza contare la popolazione degli altri 5 villaggi vicini.
- Tutti i beneficiari sono di estrazione contadina
- La maggior parte dei beneficiari sono bambini e donne che non sanno leggere né scrivere, e per questa fondamentale ragione gli adulti non hanno accesso agli impieghi pubblici, dedicando-si alla preparazione della terra per coltivi vari.
Criteri per scegliere i contadini interessati al progetto agricola (risiae):
a) Perdita della famiglia
b) Perdita dei genitori
c) Mamme nubili e abbandonate
d) Assenza di altri mezzi di sopravivenza
e) La selezione è fatta dalle Sorelle assieme alle Autorità del luogo
I beneficiari partecipano nei lavori manuali e nella manutenzione e conservazione del centro
Le sorelle Servas de Santa Maria do Cenáculo, secondo le proprie possibilità, danno il loro contributo mediante l’offerta di cibo e di mezzi  per pagare le spese di studio e trasporto di alcuni alunni poveri, e si prende cura dei bambini e degli anziani, pagano gli stipendi di alcuni Professori, facilitano materiale per il cultivo della terra, insegnano il cucito alle giovani del luogo, ecc. Donne, bambini e anziani collaborano nella raccolta dei prodotti, nella manutenzione e pulizia degli ambienti, ecc..
5.- GIUSTIFICAZIONE DEL PROGETTO
Questa popolazione ha come principali problemi: Povertà estrema, malattie (malaria, dissenteria…), denutrizione cronica, MTS, HIV/SIDA, ecc.
Il Progetto in questione si prefigge di diminuire l’indice di bambini denutriti; ridurre il numero di bambini e di anziani che attualmente vivono in condizioni inumane dopo essere rimasti senza le loro famiglie; garantire ai beneficiari una dieta alimentare sufficiente per una vita degna .
6.- OBIETTIVO GENERALE DEL PROGETTO
Garantire le condizioni di sviluppo integrale e la promozione della dignità umana della popolazione di Nuvunguene-Chicumbane.
7.- OBIETTIVI SPECIFICO
- Salvare la vita de molti bambini orfani ed offrirgli delle possibilità educative per un futuro di speranza;
- Contribuire allo sviluppo del villaggio di Chicumbane garantendo gli studi superiori ad alcuni giovani;
- Prendersi cura di alcuni anziani abbandonati;
- Sviluppare il senso di bene comune, dei diritti della persona e della solidarietà tra i contadini della zona, oltre a collaborare nella loro formazione culturale-civica-etica.
8.- MEZZI PER PER ARRIVARE AGLI OBIETTIVI
Abbiamo bisogno di:
- Sostegno alimentare per garantire almeno 150 pasti giornalieri per bambini e adulti poveri al Cenacolo (1);
- Un Trattore, e accessori, per aumentare la produzione agricola (risaia, piantagioni di mais, coltivi…)
- Borse per studenti (studi, trasporto, vitto e alloggio, materiale scolastico)della Scuola Media, Liceale e Università (in particolare, in questo momento,  per 6 studenti  della Scuola Secondaria, e per tre che stanno frequentando l’Università) (2);
- Adozioni (di preferenza, “Adozioni di Gruppo”) di bambini orfani o con famiglie disagiate;
- Sovvenzione di alcuni Pozzi d’Acqua per il Cenacolo e per la popolazione
- Mulino elettrico per il macino di cereali;
- Mezzo di trasporto per le attività del Cenacolo (tipo mini-bus o Land-Rover)
- Materiale per il coltivo della terra (zappe…)
CONCLUSIONE
Così come un pane è fatto da molti chicchi di frumento, anch’io ho la speranza che da tanti chicchi di condivisione si arrivi alla realizzazione  di questo progetto. Ciascun gruppo o persone può impegnarsi in un settore di sua scelta (borsa di studio, pagare il costo del pane per un giorno, settimana, mese…), come meglio riterrà opportuno e secondo le proprie possibilità, nella consapevolezza che “nessuno è così ricco che non abbia bisogno di ricevere qualcosa dagli altri, e nessuno così povero che non abbia qualcosa da offrire per la condividere”.  Chiedo umilmente la vostra cordiale collaborazione affinchè il MIRACOLO DELLA CONDIVISIONE diventi operativo ed efficace in favore dei meno amati, anche qui, a Nuvunguene, in Mozambico.
Chicumbane, 01 Luglio 2010
Irmâ Alda U. Boa Macuácua, SSMC
PREVENTIVO
1.- BORSE DI STUDIO per studenti seguiti dalle Sorelle del Cenacolo, Xai-Xai:
A) TRE studenti universitari: borsa annuale individuale(vitto, alloggio, iscrizione, trasporto,materiale scolastico): 1.300,00 euro
B) CINQUE studenti Pre-universitari: borsa di studio individuale annuale (vitto, alloggio, iscrizione, trasporto, materiale scolastico…): 600,00 euro
C) Borsa per Studi Primari, annuale: 100,00 euro
Borsa per studi Secondari: 300,00 euro
Borsa  annuale Orfano: 300,00 euro
Borsa annuale Anziano: 300,00 euro
2.-SPESE VITTO MENSILE AL CENACOLO per 150 commensali (bambini orfani (50), bambini asilo (70), anziani (6), sorelle e giovani (10), collaboratori e poveri 14)
COLAZIONE: (pane, zucchero, latte in polvere, burro (3 volte settimana), uova (2 volte settimana), tè, marmellata (2 volte settimana):  Spesa media mensile: 554,00 euro
PRANZO E CENA: (farina, spaguetti, riso, pesce (1 volta alla settimana), pollo (1 volta alla settimana), carne (1 volta alla settimana):  Spesa media mensile : 784,00 euro
Spesa media necessaria per vitto al mese per 150 commensali:        1.338,00 euro

Da: Padre Honorio Martin
Inviato: venerdì 26 giugno 2010
Carissimi, ogni bene a voi!
Ecco la specifica dei soldi che gentilmente avete inviato recentemente.
Il bene é fatto a vostro nome. Grazie di cuore da parte di tutti i beneficiari!
A presto.
hon
Alda sta meglio. Ha ricevuto anche un aiutino proveniente dalle adozinio (quattro mila e qualcosa..).
ALBERTO – ADRIANO – MICHELE
Ecco la distribuzione del donativo ricevuto (tremila eu)
(cambio 1 eu = 40 mts (3.000 eu X 40 mts = 120.000 mts)
01.- Para necessidades  familia de cegos 8.000
02.- Para necessidades relacionadas com a escola e vestido do “Grupo das meninas e meninos do amendoim” 8.000
03.- Para necessidades de abitaçâo, construçâo de palhotas, escola, alugueres, alimentaçâo, vestido, saúde etc. 24.000
04.- Para cuidados de anciâos 4.000
05.- Para ajuda de doentes, transporte, medicinas, alimentaçâo 30.000
06.- Para necesidades de estudantes (universidade, trasporte, material, borse…) 35.000
07.- Para cuidado de meninos ôrfaos 7.000
08.- Para actividades formativas e culturais de adolescentes: 4.000
—————-
120.000
Muito obrigado!

Da: Padre Honorio Martin
Inviato: venerdì 11 giugno 2010
Cari amici, un augurio di pace e di salute per voi e collaboratori!
Ho ricevuto notizie da sr Alda; la “sento” un pó affaticata o triste, per le lotte e difficoltá che trova nel suo cammino di impegno. Le necessità e i problemi che trova nel suo impegno di servire i piú bisognosi, piccoli e poveri, si fanno presenti nel suo animo, anche se non si scoraggia e la sua fede si mantiene salda. Sa bene che le opere di Dio e di humanità si scontrano di frequente con le amarezze, le incertezze e le preoccupazioni della vita di ogni giorno… Vi trascrivo alcune espressioni della sua ultima lettera (08/06/10).
“Io sto bene, anche se molto raffredata. I bambini crescono, studiano e hanno salute, eccetto due che sono arrivati da Maputo ultimamente. Ancora non sono finiti i lavori per la sala da pranzo dei bambini per mancanza di fondi, e si sente la difficoltà. Cerco di ottenere qualche beneficio bancario per non rimanere senza nulla o per acquistare qualcosa di urgente (col fondo dei seimila eu ricevuti ultimamente dai benefattori in Italia). Quando potrò spero di acquistare alcuni maialini per allevarli, e poi vendere alcuni e per avere delle entrate e comperare il pane. Ultimamente gli introiti per il cibo quotidiano non é stato sufficiente. Abbiamo trascorso un periodo brutto negli ultimi mesi dell’anno scorso. I prezzi sono saliti ed i bambini sono tanti. Se non fosse stato per il lavoro faticoso nei campi per completare quello che generosamente offrono i benefattori dei bambini adottati, non sareme stati capaci di garantire il cibo per tutti questi bimbi e ragazzi. Abbiamo 50 bambini interni; 75 nell’asilo ed esterni; 6 anziani; 12 ragazze nel cammino vocazionale; 3 novizie; 5 suore; 8 adulti che ci aiutano nei lavori e nelle opere; 6 giovani studenti. Siamo in tanti a mangiare quotidianamente, una media di 148 persone tra piccoli e grandi!
La produzione di mais non ha dato buon risultato quest’anno, prima perché non ha piovuto in tempo e quindi tutto rimase bruciato. Riguardo alla produzione di riso, avremmo qualche beneficio, ma non tutto quelle che si aspetta, per mancanza di personale per pulire le risaie prima della piantagione. Sen’zaltro, raccoglieremo meno sacchi dell’anno scorso.
Riguardo alla piantagione di riso, si é presentata una Onlus portoghese che sostiene progetti agrari, e conoscenzo il nostro lavoro agricola hanno offerto aiuto per preparare la terra per il cultivo di riso.
Per la mancanza di soldi per pagare i professori abbiamo ridotto gli alunni della 13ª classe, e cosí questi alunni  frequentano ora la Scuola statale di Chicumbane, i quali ogni giorno debbono percorrere 6 km a piedi (3 di andata e di ritorno).
Ho scritto al Ministero dell’Educazione e al Governatore chiedendo che provvedano loro a pagare lo stipendio dei Professori. Promettono fare qualcosa per il prossimo anno.
Ancora non é stato possibile l’istalazione di internet, ma ci hanno promesso che si fará”
Irmâ Alda.
Ciao, hon.

Da: Padre Honorio Martin
Inviato: 14 maggio 2010
Grazie di cuore a te e al team Mozambico, tutto per fare del bene anche nelle piccole cose, a vostro nome e dei vostri finanziatori, a beneficio di famiglie disagiate, malati, poverissimi, sostegno studenti senza ricorsi, anziani, ragazze di strada (non lucciole,però!, sono adolescenti che vivono della vendita di caramelle e frutta per le strade, per aiutare le famiglie ad avere qualche metical in più, e gli aiuti sono per materiale scolastico e vestiti), aiuto a malati di aids (trasporto, medicine, visite, cibo…); aiuti per comperare un pezzo di terreno per fare la propria abitazione (palhota), piccoli progetti pe comperare una porta o finestre per la casetta, ecc.
State bene! Ancora non sappiamo nulla dell’internet per il Cenacolo, sapete che i tempi “promessi” lì…non si corrispondono con questi di qua…continuiamo ad aspettare.
É bellissimo il vostro impegno per questa “cittadina del Cenacolo”, piccole-grandi cose che aiutano a dare “sapore” alla vita!
Grazie ancora a nome di sr Alda, che fra poco vedrá realizzato un’altro sogno, la nuova sala multiuso da pranzo-tempo libero!
hon

Da: Padre Honorio Martin
Inviato: 10 maggio 2010
Carissimi, rinnovati saluti e tantissimi auguri a voi e ai vostri cari!
Alcune informazioni:
Dopo la lieta notizia (auguroni, siete bravissimiiiii….!) del vostro riconoscimento come possibili beneficiari del 5 x mille, ho inviato i dati della vostra Onlus ad una trentina di amici-collaboratori delle opere di sr Alda e che risiedono in Italia, nella speranza che qualcuno voglia destinare il proprio 5×1000 a Xai-Xai….
Cordiali saluti, anche da parte di sr Alda assieme al suo grandissimo GRAZIE per l’invio dei seimila eu, con i quali potranno coprire il tetto e sistemare la nuova sala da pranzo, struttura multi-uso (anche per attivitá ricreative dei ragazzi!). Gli ho chieso di inviare fotografie col frate che viene.
Sr Alda é abbastanza raffredata, come in tanti ora nel Moz, dovuto alle alternanze del caldo e del freddo.
Le cose procedono abbastanza bene, anche se non manca qualche difficoltá, compensata da opportuni aiuti, come quello che stanno ricevendo da un gruppo portoguese per la produzione del riso (facilitano il trattore e altre facilitazioni).
Ed una buona notizia (speriamo si confermi prestissimo): domani hanno promesso alle suore di finire l’aggancio a Internet!
Appena ricevo un loro messaggio, vi do l’indirizzo delle sorelle.
Ho informato pure dell’arrivo dei tremila eu  per le opere che gestisco. Grazie ancora.
Alberto-Daniela: da parte di Alda non ci sono difficoltá per elargire l’aiuti ad Aarâo, per tanto, lei passerà i 60 eu mensili a lui per le spese dell’università, materiale scolastico, trasporto. Prenderá dei soldi che arrivino da Roma, e poi reintegrerá con quello che voi invierete per questa finalitá specifica, se vi va bene cosí.
Grazie ancora per tutto.
hon

Da: Padre Honorio Martin (lettera inviata a tutti i donatori)
Inviato: 7 maggio 2010
Cari amici e amiche della Missione XAI-XAi-Mozambico, cordialissimi saluti e tanti auguri per voi ed i vostri cari!
Dopo alcuni mesi nella nostra Missione dei Servi di Maria a Matola, nel Mozambico, purtroppo la mia salute non ha retto e sono ritornato in Spagna, a Madrid, dove ora mi trovo, a fare altri servizi. Comunque, ora tutto è sotto controllo anche se tanti sogni e speranze sono rimasti là…
Vi scrivo per informarvi che i bambini e i ragazzi/a che curano le nostre Sorelle Serve di Santa Maria del Cenacolo (Suor Alda) stanno molto bene. Tutti hanno dei buoni risultati nella scuola, hanno da mangiare, ricevono una buona educazione ed…. il numero degli interni sempre aumenta: Ora gli Orfani sono oltre CINQUANTA.
Suor Alda e le sue consorelle continuano a lavorare per questi bambini e ragazzi, soprattutto per garantire loro una formazione basica; sostengono pure alcuni universitari (4); va avanti la scuola media-liceale (300 alunni) e quella elementare (80), e curano diversi anziani (8). Cosa succederà quando i ragazzi e ragazze Orfani crescano e si trovino a dover lasciare il Cenacolo? Quale futuro gli attende, come poter sostenergli ancora?. Per ora le Suore cercano di pensare a qualche soluzione, ma non é facile. Per il momento si cerca di sostenere coloro che vogliono continuare gli studi a livello universitario. E attualmente sono impegnate nella costruzione di una sala da pranzo per questi “futuri cittadini” (tutti gli “abitanti” del Cenacolo, piccoli e grandi, collaborano alla costruzione, anche prediponendo i mattoni!). Ogni giorno si prepara cibo per più di 160  “invitati” fissi!
Vi informo, inoltre, e questo sí é una novità interessante,  che una Associazione di persone, formata da tre coppie romane, vincolata alla nostra Parrochia dei Sette Santi Fondatori, a Roma, e che da anni lavora per questi bambini di Xai-Xai con tante iniziative culturali, specialmente il teatro, si è costituita come ONLUS, per cui è possibile collaborare direttamente con le opere di bene che portano avanti Suor Alda e le sue Consorelle a Xai-Xai.
Se volete destinare il vostro 5 X 1000 a questa opera, ecco i dati, che potete anche far conoscere ad altre persone  interessate:
Associazione Teatro 7 Solidarietà Onlus
Codice Fiscale N. 97491750580
Via Benevento, n. 23
00161 – Roma
Ogni bene e un caro abbraccio e ricordo
fra Honorio Martín

Da: Padre Honorio Martin
Inviato: 27 aprile 2010
Cari amici, cordiali saluti e tanti auguri per voi e vostri cari!
Vi allego alcune foto di “opere nascoste di bene” che siamo riusciti a fare con degli aiuti anonimi di alcuni amici e collaboratori, in particolare la costruzione di alcune semplici casette (una camera fatta con mattoni) per una famiglia di giovani quasi ciechi (4 fratelli). In più, sono frequenti le richieste di aiuto di persone conosciute nella Missione (per cure mediche, per trasporto in hospedale, per materiale scolastico o iscrizione alla scuola di bambini o ragazzi, per comprare medicinali, per pagare piccoli affitti, ecc., anche se ormai non sono lí..) Volevo dirvi che, se come in occasioni anteriori, volete gentilmente collaborare con qualche aiuto…c’é spazio per la condivisione, attraverso il conto di sr Alda, e per queste finalitá.
Forse riesco a salutarvi se sarete a Roma nei primi giorni del mese di Luglio….
State bene!
hon

Lettere 2009

Da: Padre Honorio Martin
Inviato: 1 giugno 2009
Cari saluti di nuovo…per confermare che i soldi sono arrivati. Questo pomeriggio ho ricevuto un messaggio di Alda. Tra altre cose, dice che preparano per iniziare la costruzione di una sala da pranzo e cucina pe i piccoli (veramente quella che hanno sino ad oggi é ormai troppo…fatiscente!). Costruiranno in proprio, e così i costi diminuiscono. I ragazzi piú grandi aiuteranno a fare i mattoni. Calcolano una spesa di circa 5.200, 00 eur. Credo anch’io che sia un lavoro da fare. E voi?
la sala da pranzo é per 94 bambini-ragazzi.
Altre cose che scrive sr Alda:
“Quest’anno ho lavorato tanto in campagna, per aiutare a ricavare più prodotti per il consumo interno. Non é facile alimentare tutti i giorni 94 bambini, 4 anziane, 15 suore, 13 ragazze, più i poveri che si avvicinano ogni giorno a chiedere qualcosa da mangiare.
Abbiamo lavorato pe raccogliere otto hettari di riso e quest’anno il raccolto é stato abbondante. Ma le spese sono pure grandi. Un sacco di 50 kg dura due giorni, e nel Cenacolo mangiamo 3 volte riso alla settimana; se ´´e il giorno della  pasta, 20 kg; se é quello della manioca, 30 kg; se mangiamo la farina di mais, 15 kg. E se vogliamo qualche volta mangiare un pò di carne, allora ci vogliono…20 galline affinché ad ognuno arrivi un pezzetto di carne. Per avere carne di mucca…ci vorrebbe una povera bestia ogni mese, per mangiare due volte carne alla settimana. Per questo mangiamo piú verdur, “amendoim”..
Ma, frei, avrei bisogno di un altro trattore….chi ce l’offrirà? Perché veramente é costoso: 83.346,04 $!!! (e aggiunge sr Alda: “parlerò con s . Giuseppe su questo, e se lui ritiene che sia necessario, certamente intercederà davanti la Divina Provvidenza”. Stiamo parlando, free.
( e dopo mi chiede a me cosa ne penso, sul tema trattore…): Gli ho risposto che sul tema sala da pranzo va benissimo, secondo me, ma sul tema…trattore….si scordi per ora…salvo che s. Giuseppe…si muova!
State bene.
hon

Da: Padre Honorio Martin
Inviato: 11 maggio 2009
Grazie, Alberto & Cia, per le notizie. Io ho parlato con sr Alda alcuni giorni fa, e tutto andava bene.
Riguardo ai soldi che inviate a Xai-Xai, serveno per la manutenzione mensile di tutta la realtá che conoscete: con quei soldi danno da mangiare ai piú di 30 0rfani, che abitano nel Cenacolo; danno da mangiare a piccoli dell’asilo, pagano le due signore che si occupano di loro tutta la giornata; pagano l’inmatricolazione alla Scuola Secondariadi circa una ventina di studenti (che non hanno mezzi economici alcuni); integrano alcuni stipendi dei Professori della stessa scuola; comprano materiale per la scuola; manutenzione delle strutture; cibo giornaliero per circa un centinario di persone, tra piccoli e grandi (operai, suore, hospiti, …); manutenzione macchine, autista, trattorista, spesse energia, riparazione motore per l’acqua, meccani, gasole, trasporte, etc.
Se parlate con sr Alda, o se inviate un sms, pf dite la quantitá che volete lasciare a mia disposizione per le opere di cui vi ho giá parlato, in modo che non ci siano difficoltá, anche se con Alda non ci sono mai state, perché tutto e trasparente e chiaro.
Io vi parlavo di circa due o tre mila eu per le opere di misericordia nei villagg della nostra missione, aiuto famiglie, studenti, borse di studio, piccoli progetti (pollaio) piccole abitazioni per casi speciali (malati, anziani…). Ditemi.
Grazie.
hon

Lettere 2007-08

Da: Padre Honorio Martin
Inviato: 8 dicembre 2008
Carissimi, tanti cordiali saluti dal Mozambico, che lascio domani per tornare in Spagna (ancora non conosco la mia destinazione, ma non mi mancherà il lavoro….!).
Sono contento per questo anno di servizio e ora andiamo a lavorere in altre terre “missionarie”!
Ieri sono tornato da Xai-Xai, dopo una settimana di predicazione alle suore. Con sr Alda abbiamo parlato un pó di tutto. Sono rosso “como un cangrejo”, perché con i piccoli siamo andati in spiaggia ed io non mi sono accorto che dietro le nubi ci sono anche i raggi solari! Che bella giornata, che bello vedere i piccoli correre, divertirsi, giocare (anch’io con loro!), e poi non volevano lasciare l’acqua! Quando li si vede così sorridenti…pensa uno che vale la pena fare ogni sforzo per loro. Vi abbiamo ricordato spesso, e anche pregato, per tutti i padrini. E le suore vi salutano tantissimo.
Alcuni giorni fa siamo andati, sempre con i piccoli, a fare una passegiata. Hanno visto gli ipopotami (si dice cosí?), e poi ciascuno, sul fiume Limpopo, ha visto…”quello che voleva livremente vedere”…chi, sotto una grande foglia vedeva un cocodrillo, unàltro, un pesce gigante…ecc.
Insomma, che io ho goduto tanto questi giorni, stando con loro, dandogli affetto (e ricevendo di loro).
Nella scuola secondaria ci sono circa 287 alunni; nell’asilo, una quarantina, che non pagano quasi nulla; gli orfani quasi 40.
Sr Alda mi diceva che il loro superavit bancario, in questi giorni, era di…duecento e sessanta euro (260!). Hanno dovuto spendere il poco che avevano per pagare gli alunni che non hanno possibilità di offrire neanche una quantità simbolica; (e poi pagare ai professori..). QUello che chiedono per i bambini dell’asilo é pure nulla, ma…la gente é molto povera e..sr Alda…si lascia sempre vincere dalla compassione…
Se avete qualche fondo, pf vedete se sia possibile aiutare le opere di sr Alda.
Ogni bene a tutti, e grazie per tutto.
hon

Da: Padre Honorio Martin
Inviato: 8 novembre 2008
Carissimi, grazie per l’offerta, giá anticipata da sr Alda e giá…quasi spesa! Evviva, perché dalla vostra mano e dai vostri cuori, e quello dei Padrini e Madrine, passa direttamente a sovvenire tante piccole necessitá!
Alda e le sorelle, come i piccoli e le anziane stanno bene. Credo di avervi detto che hanno operato a Berta e Joao alle gambe; é andato tutto bene.
Stiamo ancora aspettando la pioggia, cosí necessaria per la produzione di alimentazione di base, ma non arriva…
Ogni bene a voi e grazie di nuovo e di tutto cuore!
hon

Da: Padre Honorio Martin
Inviato: 17 ottobre 2008
Cari amici, cordiali saluti e auguri di ogni bene a voi, ai vostri cari e ai benefattori!
Mentre da voi non manca acqua e forse arriva il freddo, qui…si muore di caldo, di siccitá e non si vede la pioggia, tanto desiderata. É molto in ritardo e la gente incomincia a  soffrire la fame (le scorte sono finite e ancora non hanno seminato nulla…).
Le nostre sorelle e i piccoli vanno avanti per ora….speriamo bene anche per loro.
Non so se vi ricordate di due fratelli, Berta e Joao, due nani. Ora sono stati operati a Maputo e si spera che migliorino le condizioni delle loro colonne vertebrali. Dopo una decina di giorni in hospedale sono ora al Cenacolo e stanno bene.
Io vado a Xai-Xai a fine mese per due giorni di incontri, e poi torno nei primi giorni di decembro per la predicazione degli esercizi spirituale alle sorelle.
Rientro in Spagna verso metá dicembre.
Con quei soldini che avete inviato tempo fa, giá ho fatto diversi “miracoli” a vosso nome, come vi avevo spiegato, (aiuti per trasporto per andare in hospedale e pagare la visita, comprare medicine…; per pagare acqua e luce; per materiale di scuola; per viaggi di ritorno a casa; per funerali; per comprare degli appezzamenti di terreno per poter costruire una capanna, (ciascuno circa 300 euro o 600, ecc. ma soprattutto sottolineo, per condivisione di gioia, queste iniziative:
a) fatta una scuola elementare con materiale locale (canne) e tetto di zinco in una zona della nostra missione (i piccoli avevano como aula l’ombra de um grande albero, ma quando pioveva…..(ha costato circa 300 eu). Sono molto contenti, assieme al maestro, alle famiglie…
b) Per una famiglia di 7 membri, dei quali com problemi visivi 5 persone, abbiamo costruito due stanze e due latrine, piú un pollaio (1.000 eu), piú altre cose (vestiti, utensili per agricoltura, per la casa,ecc.) .
Se ancora avete qualche cosina( forse mille eu), cercheró di aiutare altre piccoli progetti prima di tornare. Un grande abbraccio, comunione, grazie.
hon

Lettera di auguri da Suor Alda Natale 2007
Cari amici del Cenacolo e madrine e padrini dei bambini,
FELICE NATALE 2007!
Arrivati quasi alla fine dell’anno, colgo l’opportunità delle feste natalizie per relazionarvi sull’andamento delle opere che, con molto affetto, avete patrocinato.
Confesso che, senza il vostro aiuto, non saremmo mai riusciti a fare tutto quello che si è fatto.
Ricordo ancora che alcuni di voi, quelli che per primi vennero a conoscerci, ci trovarono sotto un albero con alcuni bambini orfani. Ci avete aiutati tanto che oggi hanno un posto dove dormire ed uno dove studiare. Alcuni di quei bimbi che avete conosciuto 10 anni fa ora sono adolescenti che studiano all’interno della Scuola Santa Maria del Cenacolo, frutto del vostro aiuto. Noi suore abbiamo apprezzato tanto il gesto di queste persone, alcune delle quali nemmeno abbiamo mai conosciuto. La scuola secondaria è cresciuta tantissimo, tanto che l’anno passato abbiamo istituito la undicesima classe e per l’anno corrente ci siamo posti la meta di portare a scuola i bambini delle zone rurali, così da garantirgli almeno l’acceso agli studi secondari, cioè fino al dodicesimo anno. […] Al cenacolo abbiamo tre casistiche di bambini: gli orfani di entrambi i genitori, gli orfani solo da parte di madre e i figli di vedove con molti bambini a carico o abbandonate dal marito. Questi bambini vivono a casa dei nonni e noi li assistiamo durante il giorno solo per quanto riguarda il cibo, i vestiti, il materiale scolastico e le medicine. A pranzo stanno tutti insieme. […] Abbiamo costruito 5 aule più un ambiente amministrativo per la scuola Santa Maria del Cenacolo. Inoltre, ultimamente, abbiamo fatto una spesa straordinaria. Si tratta di un minibus da 29 posti che in due viaggi ci consente di portare i bambini qui a scuola e, soprattutto, di facilitare la scuola agli studenti che abitano lontano e non hanno un trasporto garantito. […] Riassumendo, il numero di bambini che stanno sotto la nostra responsabilità è:
30 interni (di cui 26 al Cenacolo e 4 nella casa di Xai-Xai)
170 esterni, che restano a mensa o la mattina o nel primo pomeriggio a seconda del periodo in cui sono liberi dalle lezioni
6 anziani interni e 24 esterni
Ho tentato come ho potuto, con questa lettera, di raccontarvi speranze e difficoltà del Cenacolo. E termino augurando a tutti voi
FELICE ANNO NUOVO 2008!
Dalla vostra sorella molto grata per tutto.
Ir. Alda U. Boa Macuacua

 

SERATE DEDICATE AD ONLUS ED ASSOCIAZIONI

ISTITUTO MEDIO POLITECNICO SANTA MARIA DEL CENACOLO

politecnico 1 politecnico 2 politecnico 3 politecnico 4 politecnico 5

ESTATE 2014 IN MOZAMBICO

estate 2014 1estate 2014 2estate 2014 3estate 2014 4estate 2014 5

ONLUS AMICHE

Coordinate bancarie per le vostre donazioni:

Ass. Teatro7 Solidarietà Onlus
Via Benevento, 23 - 00161 Roma
C.F. 97491750580

CC Banca Unicredit
AG. Piazza Lecce (RM)
IBAN: IT 75 R 02008 05212 000010976798

Proseguendo nella navigazione del sito si presta il consenso all'uso dei cookie. Per informazioni sui cookie utilizzati da questo sito e sulle modalità di accesso alle opzioni di attivazione/disattivazione si legga l'informativa: Cookies Policy